Salvini: “Proposta Iva durata 18 ore, serve flat tax. Conte? Ha perso 10 punti in un mese”

"Il taglio dell'Iva è un'ipotesi che è tramontata prima di nascere, secondo me la soluzione migliore è la flat tax"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sul taglio delle tasse io sono sempre d’accordo. A me interessa che i cittadini paghino meno, ma pare che la proposta di Conte sia durata 18 ore a dir tanto. Rimango dell’idea che serva Flat Tax per famiglie e imprese”. Lo dice Matteo Salvini, leader della Lega, a Radio Cusano, sull’ipotesi di una riduzione dell’Iva.

“Io sono sempre a favore del taglio delle tasse, anche se io sono per tagliarle direttamente alle famiglie piuttosto che sui consumi- spiega Salvini a Radio Cusano Campus-. Secondo me la flat tax è la soluzione migliore, però se si parla di taglio delle tasse ben venga, a me interessa che i cittadini paghino meno. Il problema è che è durato tutto 18 ore, un’ipotesi che è tramontata prima di nascere. Conte ci invita a confrontarci con lui, ma nel merito stanno bocciando tutte le nostre proposte”.

“I parlamentari- aggiunge- sono pagati per produrre idee, poi il governo decide se accettarle, ma per il momento le hanno bocciate tutte”.

LEGGI ANCHE: Stati generali, Coldiretti: “Con taglio Iva il Governo aiuta le famiglie povere e salva la ristorazione”

“CONTE? IN ULTIMO MESE HA PERSO 10 PUNTI POPOLARITÀ”

“Il Conte che ho conosciuto io quando eravamo al governo era più predisposto all’ascolto, non so cosa sia successo dopo”, afferma Salvini. “Se non hai i piedi ben piantati per terra, rischi di perdere il contatto con la realtà. Finchè sei chiuso in casa e il premier in tv ti dice che ci sono i soldi per tutti, uno dice: va bè, è un grande. Quando esci di casa e ti accorgi che in banca non ci sono i soldi i promessi, guarda caso nell’ultimo mese ha perso 10 punti di popolarità. Spero che si sciolga il più presto possibile quest’alleanza tra diversi, se non tra opposti, tra Pd e M5S e si torni a votare il prima possibile”.

SU IVA ENNESIMO FURTO A DANNO DELLE IMPRESE

“Ma come si fa? Invece di tagliare le tasse alle piccole e grandi imprese, il governo chiede all’Europa di dissanguarle per altri tre anni, trattenendo miliardi di Iva, una liquidità vitale per aziende già in difficoltà. Lotteremo anche contro questo ennesimo furto”, dice Salvini a proposito dello split payment che dovrebbe ottenere il via libera della Commissione europea. Si tratta del meccanismo che trattiene l’Iva alla fonte per le imprese che lavorano con soggetti pubblici.

LEGGI ANCHE: Pd, M5S e Conte di corsa verso la sconfitta, Renzi si prepara

ANDREMO A PALAZZO CHIGI SE CI INVITANO, LE TARTINE LE LASCIAMO AD ALTRI

Andremo a Palazzo Chigi se ci invitano. Gli eventi a Villa Pamphili li lasciamo ad altri”, dice Salvini a Radio Cusano Campus. “Mi hanno detto che c’era buone tartine– aggiunge-, ottimi aperitivi, c’erano grandi vip, ma il risultato concreto mi sembra pari allo zero, anzi tutti quelli che uscivano mi pare fossero più arrabbiati di quando sono entrati. Il governo da mesi non sceglie. Ad esempio sull’Ilva e sull’acciaio, su Alitalia, sulle infrastrutture, sul Mes. Ci sono interi settori in ginocchio. Turismo, agricoltura, il settore dell’auto. Sulla cassa integrazione ci sono ancora milioni di pagamenti in arretrato. Sulla riapertura delle scuole non si è capito nulla, quando riaprono, con quanti alunni in classe e quanti nuovi insegnanti assunti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»