VIDEO | Incontri in gommone, i boss scarcerati si erano riorganizzati: 10 arresti a Palermo

Quello colpito è uno dei mandamenti più potenti della mafia palermitana: quello di Tommaso Natale-San Lorenzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Un colpo a uno dei mandamenti più potenti della mafia palermitana: quello di Tommaso Natale-San Lorenzo. Blitz all’alba dei carabinieri del Comando provinciale che hanno portato a termine dieci arresti, di cui nove in carcere e uno ai domiciliari, su disposizione del gip del tribunale. I dieci sono ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione mafiosa, estorsioni aggravate, furto aggravato e violazione delle prescrizioni imposte dalle misure preventive.

Ricostruiti dagli inquirenti sette casi di estorsione, tentata o consumata, di cui due denunciati dalle vittime. Gli arresti di oggi, chiesti dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo che ha denominato il blitz ‘Teneo’, nascono da una seconda fase di indagine del Nucleo investigativo dei carabinieri di Palermo sul mandamento mafioso nella zona occidentale di Palermo e che era partita con l’operazione ‘Talea’ del 2017.

RIVALITÀ TRA BOSS: LA ‘RIORGANIZZAZIONE’ DI CAPORRIMO E SERIO

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, ha documentato le dinamiche dell’organizzazione che ruotavano intorno alla figura di Francesco Paolo Liga, considerato il reggente del mandamento anche alla luce dei precedenti blitz ‘Oscar’ (2011), ‘Apocalisse’ (2014) e ‘Talea’. Una reggenza che, tuttavia, sarebbe stata caratterizzata da una scarsa efficacia e vissuta, quindi, negativamente da molti affiliati che avrebbero iniziato a puntare le proprie fiches su Giulio Caporrimo, scarcerato nel 2017, e Nunzio Serio: “L’hai sentita la buona notizia? È uscito Giulio, è uscito“, è una delle frasi ascoltate in quei giorni dagli investigatori. “In effetti, gli equilibri mafiosi si spostavano immediatamente – osservano dal Comando provinciale dei carabinieri – in favore di Caporrimo e Serio con un evidentemente ridimensionamento di Liga, senza che venisse comunque esautorato”.

I NOMI DEI DIECI ARRESTATI

Il blitz antimafia ‘Teneo’, portato a termine dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo, ha portato in cella sette persone mentre ad altri altri due indagati, Francesco Paolo Liga e Nunzio Serio, di 56 e 43 anni, l’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata direttamente in carcere, dove si trovano per altri reati. Questi i nomi degli altri sette: Vincenzo Billeci, 51 anni; Andrea Bruno, 52 anni; Giulio Caporrimo, 51 anni; Francesco Di Noto, 31 anni; Andra Gioè, 52 anni; Baldassare Migliore, 53 anni; Vincenzo Taormina, 48 anni. Ai domiciliari è finito Giuseppe Enea, di 30 anni.

GLI INCONTRI IN GOMMONE

Nel settembre 2017 un nuovo provvedimento restrittivo per Caporrimo portò le redini del mandamento a Serio, a sua volta arrestato nel maggio 2018 quando le microspie dei carabinieri vennero a conoscenza della prima riunione della ricostituita commissione provinciale di Cosa nostra dall’arresto di Totò Riina. L’indagine ha monitorato diversi incontri tra Caporrimo e Serio, avvenuti in qualche occasione anche al largo delle coste palermitane e sui rispettivi gommoni. Le microspie hanno registrato anche uno spaccato pittoresco della vicenda con Caporrimo che lamentava uno scadimento sempre maggiore dei costumi del luogo per la presenza delle moto d’acqua che scorrazzavano nei pressi dei bagnanti di Sferracavallo.

Il capomafia raccontava di essere intervenuto personalmente nei confronti di alcuni utilizzatori delle moto d’acqua, originari dei quartieri di Brancaccio e di Pagliarelli, i quali, riconoscendolo, avevano tenuto un comportamento remissivo, tanto da essersi di seguito spostati sulla zona di Mondello, dall’altro lato della riserva di Capo Gallo, perché a Sferracavallo “c’era lo zio in porto“.

LE ESTORSIONI ALLE IMPRESE EDILI

L’indagine ha poi portato alla luce le estorsioni operate dal clan soprattutto nei confronti delle aziende edili: in due circostanze le vittime hanno denunciato aiutando quindi gli investigatori. “Caporrimo e Serio – dicono i carabinieri – si avvalevano per la gestione materiale ed esecutiva delle diverse attività illecite di diversi soggetti, tra cui Andrea Gioè, referente per il quartiere di Sferracavallo, Andrea Bruno, referente per il quartiere Marinella, Vincenzo Taormina, Vincenzo Billeci, Francesco Di Noto e Giuseppe Enea”.

COLONNELLO CARROZZO: “ESTORSIONI FONTE PER I CLAN”

L’indagine ‘Teneo’, che ha portato a dieci arresti nel mandamento mafioso di Tommaso Natale-San Lorenzo a Palermo, “copre un periodo di tempo che va dal febbraio al settembre 2017”, nel corso del quale Giulio Caporrimo, arrestato nel blitz, “ha avuto il tempo di riorganizzare il mandamento con particolare attenzione alle estorsioni nei confronti degli imprenditori edili, che da sempre sono una delle principali fonti di reddito di Cosa nostra per incrementare le casse del mandamento e assistere le famiglie dei detenuti”. Lo afferma il colonnello Mauro Carrozzo, comandante del Reparto operativo dei carabinieri di Palermo, in merito all’operazione antimafia di oggi nel capoluogo siciliano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»