VIDEO | Mafia, confiscati beni per 250 mila euro al cognato di Messina Denaro

Gaspare Como," il reggente" del clan a Castelvetrano, è il marito della sorella del boss
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Confisca di beni per 250mila euro nei confronti di Gaspare Como, commerciante di Castelvetrano e cognato del superlatitante Matteo Messina Denaro. A eseguire il provvedimento sono stati gli uomini della Dia di Trapani, coordinati dalla procura di Marsala. Como, considerato dagli inquirenti “il reggente” del clan a Castelvetrano, è il marito della sorella del boss, Bice Maria.

La confisca è stata disposta dal tribunale di Marsala al termine del procedimento penale che ha portato alla condanna a tre anni e sei mesi di reclusione per trasferimento fraudolento di valori a carico di Como e per concorso nel medesimo reato a un anno e sei mesi a carico di Gianvito Paladino e Bice Maria Messina Denaro. La sentenza, integralmente confermata dalla Corte d’appello di Palermo, è divenuta definitiva a seguito della dichiarazione di inammissibilità, da parte della Corte di Cassazione, in merito al ricorso presentato dai condannati.

I beni sottoposti a confisca definitiva, già sequestrati dalla Dia nel 2013, sono un’attività commerciale di vendita d’abbigliamento, un locale di circa 200 metri quadrati a Castelvetrano e un’auto di grossa cilindrata. Secondo gli inquirenti Como aveva avviato “una fiorente attività commerciale e continuato a fare investimenti in beni mobili e immobili, nonché in aziende, intestando tutto a terze persone, nel tentativo di sottrarsi all’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali“.

La riconducibilità dei beni al cognato di Messina Denaro è stata dimostrata attraverso l’esame delle movimentazioni bancarie degli indagati e delle intercettazioni telefoniche sulle utenze delle aziende che venivano gestite da Como in maniera occulta.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»