VIDEO | Mafia, confiscati beni per 250 mila euro al cognato di Messina Denaro

Gaspare Como," il reggente" del clan a Castelvetrano, è il marito della sorella del boss
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Confisca di beni per 250mila euro nei confronti di Gaspare Como, commerciante di Castelvetrano e cognato del superlatitante Matteo Messina Denaro. A eseguire il provvedimento sono stati gli uomini della Dia di Trapani, coordinati dalla procura di Marsala. Como, considerato dagli inquirenti “il reggente” del clan a Castelvetrano, è il marito della sorella del boss, Bice Maria.

La confisca è stata disposta dal tribunale di Marsala al termine del procedimento penale che ha portato alla condanna a tre anni e sei mesi di reclusione per trasferimento fraudolento di valori a carico di Como e per concorso nel medesimo reato a un anno e sei mesi a carico di Gianvito Paladino e Bice Maria Messina Denaro. La sentenza, integralmente confermata dalla Corte d’appello di Palermo, è divenuta definitiva a seguito della dichiarazione di inammissibilità, da parte della Corte di Cassazione, in merito al ricorso presentato dai condannati.

I beni sottoposti a confisca definitiva, già sequestrati dalla Dia nel 2013, sono un’attività commerciale di vendita d’abbigliamento, un locale di circa 200 metri quadrati a Castelvetrano e un’auto di grossa cilindrata. Secondo gli inquirenti Como aveva avviato “una fiorente attività commerciale e continuato a fare investimenti in beni mobili e immobili, nonché in aziende, intestando tutto a terze persone, nel tentativo di sottrarsi all’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali“.

La riconducibilità dei beni al cognato di Messina Denaro è stata dimostrata attraverso l’esame delle movimentazioni bancarie degli indagati e delle intercettazioni telefoniche sulle utenze delle aziende che venivano gestite da Como in maniera occulta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»