Alpinista romano muore sul Gran Sasso

Ancora ignota la causa dell’incidente. A dare l’allarme è stato il compagno di cordata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un alpinista romano è morto oggi sul Gran Sasso per cause ancora da accertare.

I tecnici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) insieme all’eliambulanza del 118 sono intervenuti sul Ghiacciaio del Calderone per recuperare il suo corpo senza vita.

Ancora ignota la causa dell’incidente. A dare l’allarme è stato il compagno di cordata.

Imbarcati ai Prati di Tivo, sul versante teramano, i tecnici del Cnsas sono stati elitrasportati sul luogo dell’incidente e lì hanno provveduto prima al recupero dell’uomo e successivamente della salma, quest’ultima portata all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. A bordo del velivolo anche il tecnico di elisoccorso del Cnsas.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»