No Man’s Land: in Abruzzo la “terra di nessuno” di Friedman /FOTOGALLERY

L'installazione di Yona Friedman si estende per più di due ettari nella campagna abruzzese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Yona Friedman, architetto sui generis nato a Budapest nel 1923, ha scelto l’Abruzzo per dare corpo alle sue visionarie teorie artistiche: l’uso di materiali poveri, la libertà della fruizione delle opere e la comunità sono i criteri che hanno guidato la nascita e la realizzazione di “No Man’s Land“.

L’imponente installazione site-specific, inaugurata a Loreto Aprutino, in provincia di Pescara, in uno spazio privato di oltre due ettari che per l’occasione è stato aperto e messo a disposizione della collettività, comprende un gigantesco arazzo naturale dal sapore preistorico disegnato con migliaia di sassi bianchi di fiume, un museo senza pareti edificato con canne di bambù e un dizionario misterioso inciso sui tronchi di duecento alberi di noce.

Alla costruzione di questo grande museo a cielo aperto hanno collaborato l’artista francese Jean-Baptiste Decavèle, la Fondazione ARIA e gli studenti delle Accademie di Belle Arti dell’Aquila e di Roma, della Facoltà di Architettura di Pescara e delle Scuole d’arte del territorio.

La neonata Fondazione No Man’s Land penserà invece al futuro dell’opera che, seguendo la filosofia di Friedman, diventerà il punto d’incontro di nuove e diverse attività.

Photos via:
www.fondazionearia.it

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»