Roma, rivoluzione in Centro storico: entro il 10 luglio via tutti i camion bar

ROMA - Via i camion bar dal Colosseo, dai Fori imperiali, dal Pantheon e da piazza di Spagna.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Via i camion bar dal Colosseo, dai Fori imperiali, dal Pantheon e da piazza di Spagna. E’ il 10 luglio la data che segnerà la rivoluzione attesa da anni, con 76 postazioni tra 22 camion bar, 43 urtisti e altri 11 tipologie che verranno messi fuori dal Centro storico di Roma.

camion bar

I camion bar saranno ricollocati a lungotevere Oberdan, lungotevere Testaccio, lungotevere Maresciallo Diaz e via della Piramide Cestia. “Nei giorni scorsi sono state individuate e delimitate le aree, che saranno operative dal 10 luglio”.

L’annuncio arriva direttamente dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, in conferenza stampa con l’assessore alla Roma produttiva, Marta Leonori, e l’assessore ai Lavori pubblici, Maurizio Pucci. Si tratta di “un deciso passo in avanti nel ripristino del decoro e di valorizzazione dell’area dei Fori imperiali”. La determinazione dirigenziale sarà pubblicata domani, 24 giugno, e fisserà le nuove dislocazioni dei posteggi riservati ai camion bar, agli urtisti, ai fiorai e ai posteggi fuori mercato che operano in Centro, “con particolare riferimento all’area archeologica centrale e al Tridente”. Entro il 10 luglio, “tutti dovranno occupare nuovi stalli, pena la rimozione da parte della forza pubblica”.

di Nicoletta Di Placido

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»