hamburger menu

Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor: “Sarà più simile ad Alec Guinness”

La nuova serie ambientata nell'universo di Star Wars in arrivo il 27 maggio su Disney+ con i primi due episodi

stra wars obi-wan kenobi ewan mcgregor

ROMA – Dal 27 maggio “che la Forza sia con te”. Su Disney+ sta per debuttare ‘Obi-Wan Kenobi’, l’attesissima miniserie (prodotta dalla Lucasfilm) che racconta l’iconico Jedi interpretato da Ewan McGregor, nella trilogia originale dei film, invece, da Alec Guinness. L’attore scozzese torna in questi ‘panni stellari’ a diciassette anni da ‘Star Wars III – La vendetta dei Sith’, l’ultimo episodio della trilogia prequel di ‘Guerre stellari’ (scritto e diretto da George Lucas) in cui si assiste alla nascita del primo Impero Galattico.

MCGREGOR: VI STUPIRÀ

“Tornare a interpretare questo personaggio è stato un processo molto lungo. Mi è stato chiesto molte volte di interpretarlo. Per anni, alla fine di ogni intervista, mi venivano poste le stesse due domande: ‘farai il seguito di Trainspotting?’ e ‘interpreterai di nuovo Obi-Wan?'”, ha raccontato McGregor durante l’incontro stampa. “Onestamente dicevo che mi sarebbe piaciuto tornare in uno show di ‘Star Wars’ perché ora ho la piena consapevolezza dell’effetto che la trilogia prequel ha avuto sui fan. In vari incontri con Disney – ha continuato – abbiamo valutato diverse storie giungendo a una storia davvero brillante tra l’episodio III e l’episodio IV. Stupirà i fan”.

UN NUOVO OBI-WAN

La serie promette un Obi-Wan diverso, nuovo. O meglio, che unisce il presente, il passato e il futuro. “Alla fine del terzo film l’ordine dei Jedi viene praticamente distrutto. Coloro che non sono stati uccisi si sono dovuti nascondere, senza poter comunicare con qualcuno. Come Obi-Wan, che per dieci anni si è nascosto, non potendo parlare con nessuno del suo ordine. Conduce una vita solitaria, non può usare la Forza e, in un certo senso, ha perso la fede”, ha raccontato McGregor. “L’unica sua responsabilità è verso Luke Skywalker, è il solo legame con il passato. L’Obi-Wan che vedremo nella serie è molto diverso da quello dei film, è una persona che sta affrontando una rottura interiore. Il mio personaggio è ora più vicino alla versione di Alec Guinness”.

IL RITORNO DI HAYDEN CHRISTENSEN

Dopo ‘The Mandalorian’ e ‘The Book of Boba Fett’, la serie in sei episodi è il terzo prodotto live action targato Star Wars ed è uno degli show più attesi dell’anno, non solo per il ritorno di McGregor ma anche per quello di Hayden Christensen nei panni del malvagio Signore dei Sith, Darth Vader. Il nuovo show inizia dieci anni dopo i drammatici eventi di ‘Star Wars III: La Vendetta dei Sith’, in cui Obi-Wan ha affrontato la sua più grande sconfitta, la caduta e la corruzione del suo migliore amico e apprendista Jedi, Anakin Skywalker, che è passato al lato oscuro diventando Darth Vader.

“Mentre stavamo sviluppando il materiale della serie ci siamo chiesti cosa fosse importante nella vita di Obi-Wan, quali fossero le relazioni significative nella sua vita. Pensando a ‘La vendetta dei Sith’ non si può non pensare a quanto sia forte e potente il legame con Anakin. E così ci è sembrato naturale avere di nuovo Hayden per portare avanti quella legame”, ha detto la regista Deborah Chow.

Per la trilogia prequel “abbiamo passato molto tempo insieme ad allenarci per i combattimenti e anche sul set e dopo le riprese. Dopo il terzo film ci siamo un po’ persi di vista. Quando l’ho rivisto per la serie è stato emozionante, era come stare in una distorsione temporale. Mi ha suscitato una particolare sensazione guardarlo sul set guardarlo, è come se tutto quel tempo trascorso insieme per i film non fosse mai accaduto”, ha detto McGregor ricordando Christensen.

UN NUOVO VILLAIN

Presente all’incontro anche Moses Ingram, qui interprete di Reva, tra i villain della serie. “È una donna intelligente ed è sempre dieci passi in avanti all’avversario. È un’affiliata di Darth Vader e farà di tutto per portare a termine il lavoro al meglio”, ha detto Ingram. “È divertente interpretare un villain, utilizzare armi, fare acrobazie. Ma prima di ogni cosa – ha continuato – usare le spade laser. Ci siamo allenati per quattro mesi prima di arrivare sul set. Allenamenti non solo dal punto di vista fisico ma anche mentale: abbiamo frequentato una scuola Jedi tre giorni a settimana”.

La serie debutta sulla piattaforma il 27 maggio con i primi due episodi. Successivamente, a cadenza settimanale ogni mercoledì, fino al finale previsto per il 22 giugno.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-23T13:21:24+02:00