hamburger menu

Fisco, Lega: “No alle ingerenze da Bruxelles, l’Ue non tasserà le case degli italiani”

Per gli europarlamentari del Carroccio Campomenosi e Zanni "L’Italia è un Paese sovrano, con un suo governo e un suo parlamento"

Lega

ROMA – “Se Bruxelles pensa che la ricetta per uscire dalla crisi sia tassare le case degli italiani, si sbaglia di grosso. L’Italia è un Paese sovrano, con un suo governo e un suo parlamento, che sa pensare a sé stesso senza richiami provenienti da Bruxelles”. Così in una nota gli europarlamentari della Lega Marco Campomenosi (capo delegazione) e Marco Zanni (presidente gruppo ID).

MENO PRESSIONE FISCALE SUGLI ITALIANI

“Indicazioni che peraltro, come nel caso delle raccomandazioni della Commissione Europea sulla fiscalità, vengono regolarmente ignorate da Stati membri come Irlanda, Lussemburgo o Paesi Bassi”, denunciano Campomenosi e Zanni. In una fase “di grande difficoltà per famiglie, lavoratori, imprese alle prese con le conseguenze della crisi pandemica e della guerra alle porte dell’Europa, dall’Ue ci aspettiamo proposte e soluzioni concrete su temi chiave dal caro energia alla difesa dei confini, materie su cui finora Bruxelles si è dimostrata decisamente insufficiente- dicono i due europarlamentari della Lega- Nuovi inviti a tassare ulteriormente i risparmi e il patrimonio immobiliare degli italiani sono irricevibili e incomprensibili. La ricetta deve essere meno pressione fiscale e non, come forse vuole qualcuno a Bruxelles, mettere ulteriormente le mani nelle tasche di cittadini e aziende”.

LEGGI ANCHE: Salvini e il ‘pensiero unico’ sull’Ucraina: “Io bersaglio perché pongo dubbi”

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-23T13:12:35+02:00