Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alle 17.58 all’albero Falcone il ‘Silenzio’ per Capaci

falcone albero
Alle 17.58, ora della strage di 29 anni fa lungo l'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, un trombettiere della Polizia di Stato ha suonato il Silenzio in via Notarbartolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Numerosi i palermitani giunti davanti all’albero Falcone di via Notarbartolo per ricordare il magistrato rimasto ucciso nella strage di Capaci insieme con la moglie, Francesca Morvillo, e i tre agenti di scorta. A rendere omaggio alle vittime di Capaci, davanti a quella che fu l’abitazione di Falcone, con Maria Falcone, sorella del magistrato, anche il presidente della Camera, Roberto Fico, il senatore di Leu Pietro Grasso, che fu procuratore di Palermo, il fondatore di Libera don Luigi Ciotti, il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando. Alle 17.58, ora della strage di 29 anni fa lungo l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, un trombettiere della Polizia di Stato ha suonato il Silenzio in via Notarbartolo, in memoria dei caduti di Capaci e via D’Amelio.

LEGGI ANCHE: Strage di Capaci, Mattarella: “La mafia non è stata ancora sconfitta. Tenere alta la guardia”

Poco prima sono stati elencati i nomi di tutte le undici vittime delle due stragi del 23 maggio e del 19 luglio 1992: Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani e Claudio Traina. Un momento di commozione sfociato poi in un lungo applauso. In via Notarbartolo anche alcuni rappresentanti di Scorta civica e doversi striscioni che recitano: ‘Fuori la mafia dallo Stato’, ‘Corrotti e ricattabili fiori dalla magistratura’ e ‘Mai più trattativa Stato-mafia’. ‘Ci siamo anche noi’, si legge su un lenzuolo della scuola Garzilli di Palermo. Lenzuoli bianchi, invece, sui alcuni palazzi lungo via Notarbartolo, come auspicato dalla Fondazione Falcone che ha organizzato le commemorazioni del 23 maggio lanciando l’hashtag #unlenzuolocontrolamafia. Nel pomeriggio di via Notarbartolo anche un breve sketch del duo comico ‘I Sansoni’, che hanno inviato una loro ideale lettera a Giovanni Falcone.

LEGGI ANCHE: 23 maggio 1992, strage di Capaci. L’esempio di Falcone, la rivolta contro la mafia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»