FOTO | Scuola, a Bologna in centinaia protestano in piazza: “Riaprire in sicurezza”

Famiglie, insegnanti, sindacati riempiono il Crescentone di cartelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “Voglio tornare a scuola“, dice il cartello colorato che un bimbo agita in piazza Maggiore durante la manifestazione promossa per oggi pomeriggio anche a Bologna nell’ambito della giornata nazionale di mobilitazione organizzata dal comitato Priorità alla scuola. Sotto le Due torri l’appuntamento è stato lanciato da Cinnica, La scuola a scuola e Diritto alla scuola. “Oggi siamo qui per ricordare che l’accesso all’istruzione è un diritto e dovrebbe essere una priorità per un Paese“, afferma Agathe Gillet di Cinnica aprendo gli interventi. Davanti a lei, sul Crescentone, ci sono circa 150 manifestanti con cartelli e mascherine, posizionati a distanza gli uni dagli altri grazie alle ‘X’ tracciate con il gesso sulla pavimentazione. Altrettante persone almeno sono sparse nel resto della piazza, che così “si è riempita di famiglie, professionisti della scuola e studenti per domandare che a settembre la scuola venga riaperta in presenza, in continuità e in sicurezza”, scrivono i comitati promotori in una nota diffusa durante l’evento.

“Oltre ai circa 400 manifestanti, che hanno rispettato tutte le disposizioni di sicurezza e di distanziamento- continuano i promotori- numerosi cittadini hanno dimostrato partecipazione alle tematiche presentate negli interventi che hanno coinvolto rappresentanti della società civile, associazioni, sigle sindacali, bambini e studenti che hanno voluto far sentire la loro voce. Un grande successo di partecipazione per una piazza al tempo del Covid-19”. Più duri i toni sentiti in piazza. Durante l’emergenza “è saltato agli occhi di tutti quanto poco contano i bambini per il Governo- attacca Gillet- quanto poco peso hanno i loro diritti e quanto sia facile dire alle famiglie di arrangiarsi”. Oggi “diciamo basta con la didattica a distanza e di emergenza, chiediamo un ritorno a scuola a settembre in sicurezza e in presenza, quindi- aggiunge la rappresentante di Cinnica- chiediamo più risorse, più insegnanti, più spazi. Tutto questo sicuramente ha un corso molto elevato, ma come si dice: l’istruzione costa, ma l’ignoranza la pagheremo molto di più”. Tra i diversi sindacati presenti, il primo a prendere la parola è la Flc-Cgil con la segretaria Susi Bagni: “A settembre si apre, ci mancherebbe altro, noi vogliamo sia così, ma come si deve aprire?”. Perché ad oggi, con “colpevole ritardo”, non c’è ancora “un protocollo di sicurezza per bambini e lavoratori”, aggiunge Bagni, invocando un elenco di regole “identico dalla Val d’aosta alla Sicilia”. E visto che va rispettato il distanziamento, “servono più docenti, più personale Ata e serve che, come da tempo diciamo, il precariato non debba sempre essere l’unico strumento”, continua la segretaria della Flc: “Sono anni che i precari devono essere stabilizzati e con i concorsi che in questo momento la ministra” Lucia Azzolina “ha portato avanti, a settembre non avremo le persone stabilizzate a scuola, non c’è il tempo”. Ai genitori, infine, Bagni chiede di non cadere nel discorso “io vado a lavorare, dove metto mio figlio?”: perché questo “certo è un problema, ma ricordiamoci che la scuola non è un diritto dei genitori ma del bambino”, poi a questo “affianchiamo tutto il welfare che serve”. In piazza, tra i manifestanti, anche i consiglieri comunali Federica Mazzoni, Piergiorgio Licciardello (Pd) e Emily Clancy (Coalizione civica). “Non può esserci vera ripartenza senza risolvere il come fare scuola ed educazione”, afferma Mazzoni, quindi “si tratta di remare tutti dalla stessa parte”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»