VIDEO | Come sono cambiati i media del Vaticano: seminario all’Unicusano

Il seminario è stato tenuto da monsignor Dario Edoardo Viganò, assessore al Dicastero per le Comunicazioni presso la Santa Sede
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il nuovo sistema di comunicazione vaticana, le strategie mediali della Santa Sede, le differenze nella comunicazione fra Benedetto XVI e Papa Francesco. Si è discusso di questo e molto altro a Roma presso l’aula magna dell’Università Niccolò Cusano durante il seminario dal titolo ‘I nuovi scenari mediali: il caso dei media vaticani’. Il seminario, che rientra nel ciclo di incontri con esponenti del mondo professionale all’interno del corso di Organizzazione aziendale gestito dal docente Marco Valeri, è stato tenuto da monsignor Dario Edoardo Viganò, assessore al Dicastero per le Comunicazioni presso la Santa Sede.

“La mia intenzione quest’anno- ha dichiarato Valeri- è stata quella di avvicinare gli studenti al mondo dei media vaticani, considerato da molto tempo e per molti come una realtà lontana dai media tradizionali. E’ utile far comprendere che le tecniche di organizzazione e gestione manageriale della Santa Sede non sono diverse da quello che effettivamente utilizziamo quando si parla di imprese tradizionali pubbliche e private”.

L’incontro è stato l’occasione per comprendere la connessione tra scenari mediali, modalità produttive e comunicative. Il nuovo sistema di comunicazione vaticana è coordinato dalla Segreteria per la Comunicazione, organismo in cui sono confluiti i principali canali di comunicazione della Santa Sede: il Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali, la sala stampa della Santa Sede, il servizio Internet vaticano, Radio vaticana, il Centro televisivo vaticano, l’Osservatore romano, la tipografia vaticana, il servizio fotografico e la libreria editrice vaticana.

seminario media vaticano unicusanoTale progetto di riorganizzazione nasce per rispondere alle esigenze della missione della Chiesa a fronte delle sfide dell’ambiente digitale contemporaneo e sfocia in un’organizzazione del lavoro ex novo resa possibile anche grazie al vasto programma di formazione del personale attuato fin dall’istituzione del Dicastero per la Comunicazione. Grazie a tale riorganizzazione, il sistema dei media vaticani ha adottato un nuovo modello produttivo fondato sull’integrazione e la gestione unitaria, in piena sintonia con la riforma voluta da Papa Francesco.

“L’evoluzione in qualche modo è stata imposta anche dal cambiamento socio-culturale– ha dichiarato Viganò- proviamo a pensare cosa ha significato la convergenza digitale e l’esplosione dei digital media all’interno della società. Quindi il processo è stato quello di valorizzare quello che la storia di media vaticani ha prodotto di importante e di ripensare un’organizzazione differente dentro una struttura diversa. Questo processo è stato voluto all’interno della riforma di Papa Francesco ed è un processo che naturalmente prevede anche delle fatiche perché cambiare modalità di produzione è sempre faticoso, ma c’è grande disponibilità e questo cammino ormai è in dirittura di arrivo e quindi possiamo dire che anche il mondo Vaticano è diventato digitale”.

Nel nuovo sistema di comunicazione sono confluite progressivamente circa 700 unità tra redattori e tecnici provenienti da tutte le 40 redazioni linguistiche e dalle 9 istituzioni che compongono la Segreteria per la Comunicazione. Si è partiti con un team di 70 persone ripartite in 6 divisioni linguistiche – italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e portoghese – e in 4 aree tematiche: Papa, Vaticano, Chiesa, Mondo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»