Roma, alla libreria Tuba le donne sono ‘Eroine alla riscossa’

Nel cuore del Pigneto la libreria è anche un bazar erotico e un bar che esiste da quasi 12 anni e che è nato proprio per dare spazio ai piaceri delle donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Roma “la libreria Tuba, nel cuore del Pigneto, è anche un bazar erotico e un bar che esiste da quasi 12 anni e che è nato proprio per dare spazio ai piaceri delle donne. Organizziamo Festival e da 6 anni Bande de Femmes”. Ad annunciarlo con entusiasmo e passione le organizzatrici di Bande de femmes che hanno presentato all’agenzia Dire, durante la festa di lancio del Festival del fumetto e dell’illustrazione, che tornerà dal 30 maggio al 1 giugno, le novità più sfiziose delle ‘SuperEroine alla Riscossa’. 

LE ORGANIZZATRICI BANDE DE FEMMES

“Tre serate, quattro mostre, tanti incontri, presentazione di fumetti e musica e l’esordio – questa una delle novità – di una casa editrice – Asterisco edizioni – che spazia dalla saggistica al fumetto”. Tra i nomi di punta: “Sara Colaone con ‘In Italia sono tutti maschi’, Rita Petruccioli con ‘Ti chiamo domani’, Laura Scarpa, Zuzu’, Cinzia Ghigliano” e altre ancora. 

MARTA COTTA, CASA EDITRICE ASTERISCO EDIZIONI

“La casa editrice- spiega alla Dire Marta Cotta- è nata pochi mesi fa e ha deciso di ripubblicare ‘I movimenti di liberazione omosessuali’. A quelle donne e queer dobbiamo tanto”. La casa editrice segue delle “scelte etiche” precise: “Non siamo nel circuito della distribuzione, non vendiamo su Amazon perchè vogliamo far vivere librerie indipendenti come Tuba e pensiamo che chiunque collabori con noi debba essere retribuito in maniera giusta. Chi scrive con noi infatti prende una percentuale dalla prima copia venduta”. La casa editrice parte con collane dal nome simbolico. Con “‘Eresia’- anticipa Cotta- vogliamo far rivivere le opere di quelle donne alle quali dobbiamo tante conquiste della storia, mentre ‘Illustrissime’ è dedicata a graphel novel e fumetti”.

LAURA SCARPA, DIRETTRICE SCUOLA FUMETTO DI ROMA

Un appello a visitare il Festival viene dalla voce storica di Laura Scarpa, fumettista e direttrice della Scuola del fumetto di Roma. “Sono una vecchia guardia esterna di Band de femmes. Presente sin dalla prima edizione con il disegno diretto live che ho fatto con Zerocalcare e quest’anno con Zuzu’. Il valore di queste manifestazioni- ha rivendicato- e’ l’incontro con il pubblico e gli autori. Non è solo presentazione sulla carta o vendita, ma il valore è che da questo incontro le persone inizino ad avere idee e gusti diversi. Parto come autrice, ma in questa edizione sono editrice con ‘Il mito dell’Isolina’ di Cinzia Ghigliano e Marco Tomatis che torna alle stampe. Un’opera che ha due filoni: uno dedicato al femminicidio e un altro relativo al processo insabbiato”. L’appello delle organizzatrici è di venire ad ammirare “il brio, i colori e l’intelligenza delle autrici”. Soprattutto “le domande” perchè, come dice Laura Scarpa: “Il fumetto, come la letteratura e il cinema, non deve servire a dare risposte, ma a porre domande”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»