Roma: ecco la fontana della Barcaccia tra melma, alghe e incuria

Palumbo (Pd): "L'incuria e l’inefficienza dell’amministrazione capitolina, penalizza l’immagine di Roma Capitale nel mondo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tra i turisti, che trovano ristoro nelle acque delle fontane e l’incapacità di un’amministrazione che non riesce a far partire, in tempi ragionevoli, nessuna gara, i lavori di manutenzione della fontana della Barcaccia in Piazza di Spagna, sono fermi dallo scorso anno e melma, alghe e sporco di ogni tipo, ormai, fanno i padroni nel suo fondale. Ancora una volta l’incuria e l’inefficienza dell’amministrazione capitolina, penalizza l’immagine di Roma Capitale nel mondo”. Lo scrive in una nota il presidente della commissione capitolina Trasparenza, Marco Palumbo.

Le incertezze e i ritardi su ogni bando e gara pubblica stanno diventando il tormentone di tutti i cittadini

“Le incertezze e i ritardi su ogni bando e gara pubblica stanno diventando il tormentone di tutti i cittadini, su tutte le questioni che riguardano la cura e la manutenzione della città e l’erogazione dei servizi pubblici. L’azione di questa amministrazione- sottolinea Palumbo- è all’insegna dell’immobilismo e la scusa è sempre la stessa con la pratica dello scaricabarile sulle precedenti amministrazioni. Il fatto vero è che la confusione a Roma Capitale regna sovrana, a questa si aggiungono i tagli dei fondi in bilancio e l’incapacità della gestione delle risorse stanziate che sempre più spesso non sono impegnate e di conseguenza finiscono perse”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»