Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Guccini ricorda la strage di Capaci: “Continuiamo il percorso di Falcone” VIDEO

Un video per ricordare Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un video per ricordare Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. E’ questa la dedica di Francesco Guccini per le vittime della strage di Capaci nel 25esimo anniversario dell’attentato e a tutte le vittime della mafia.

Ispirati dalle testimonianze di resistenza civile raccolte dai rami dell’Albero Falcone, gli studenti delle classi terze, unite nel coro ‘Musicainsieme’ dell’IC Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano (Bo) e dirette dal Maestro Gianfranco Iannetta, hanno eseguito la canzone del cantautore modenese ‘L’Albero e Io’.

“Si tratta- come ha spiegato la professoressa Raffaella Zuccari- di un’iniziativa prevista dal progetto per la legalità dell’IC Salvo d’Acquisto, in rete con i Comuni di Lizzano in Belvedere e di Gaggio Montano dal titolo ‘25 anni dopo, le loro idee camminano ancora‘. Una proposta che rientra nell’ambito di ‘conCittadini’, il percorso della Regione Emilia Romagna rivolto alle scuole, agli enti locali, alle associazioni e istituzioni del territorio per la promozione, tra le altre cose, della memoria, dei diritti e della legalità. Da qui l’idea di coinvolgere nel video il cantautore Francesco Guccini che è tornato a collaborare con l’Istituto Salvo D’Acquisto, dopo il viaggio della Memoria ad Auschwitz dello scorso anno”.

Guccini quel giorno di 25 anni fa non lo ha dimenticato: “Ricordo bene quel pomeriggio- ha detto il cantautore emiliano- uno dei momenti più drammatici della storia della Repubblica. Ho aderito volentieri al progetto dei ragazzi proprio perchè penso che il ricordo e la conoscenza di quel particolare momento della nostra storia possa aiutare a riflettere su quanto sia importante combattere le mafie prima di tutto dal punto di vista culturale. D’altronde è lo stesso Falcone a ricordarci come la mafia sia ‘un fenomeno umano e, come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine‘. Sta a tutti noi, a partire proprio dai più giovani, continuare quel percorso che Giovanni Falcone ha tracciato”.

LEGGI ANCHE Le notti e le stagioni, la scuola e Bob Dylan: Francesco Guccini si racconta VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»