Raggi “dimentica” Falcone, Pd: “Ennesima vergogna”

"Per la prima volta Roma non ha organizzato un evento pubblico in memoria dei due grandi magistrati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “E’ un fatto estremamente grave che il Campidoglio guidato dalla sindaca Virginia Raggi, si sia dimenticato una ricorrenza fondamentale per la storia del nostro Paese. Nessun evento pubblico e soprattutto nelle scuole nulla è stato organizzato dal Comune di Roma per ricordare il venticinquesimo anniversario della scomparsa di Giovanni Falcone. Forse troppo presa dal calcio, dal tennis e dalle frequentazioni delle tribune vip, la Raggi ha clamorosamente bucato questa ricorrenza”. Così in un comunicato il consigliere comunale del Pd e presidente della commissione Trasparenza di Roma Capitale, Marco Palumbo.

All’attacco anche il deputato dem Marco Miccoli: “Ennesima vergogna targata CinqueStelle: la sindaca Raggi ha infatti dimenticato una ricorrenza fondamentale per il nostro Paese. La morte dei giudici Falcone e Borsellino ha rappresentato un evento drammatico per l’Italia e che chi governa, soprattutto chi amministra la Capitale del Paese, dovrebbe non dimenticare. Sotto la guida della Raggi, Roma per la prima volta non ha organizzato un evento pubblico in memoria dei due grandi magistrati. Una sfregio ancora più grande se si pensa che quest’anno ricorreva il venticinquesimo anniversario della strage di Capaci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»