Cultura, Franceschini a museo Campo Marzio e Porto Vecchio

TRIESTE - Visita triestina per il ministro dei Beni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

franceschini_darioTRIESTE – Visita triestina per il ministro dei Beni e delle Attività culturali Dario Franceschini, accompagnato dalla presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e dall’assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti. La visita è iniziata al Museo ferroviario di Campo Marzio dove il ministro ha potuto ammirare il ricco patrimonio storico, oggetto peraltro di un progetto che coinvolge anche la Fondazione Ferrovie dello Stato.

Il titolare del dicastero ha confermato l’interesse per la riqualificazione del Museo e la valorizzazione dei suoi reperti, oltre a rilanciare l’ipotesi di un treno storico che colleghi Campo Marzio con Miramare attraverso la vecchia ferrovia Transalpina, passando quindi per Villa Opicina.

Dopo un passaggio allo storico stabilimento balneare “La Lanterna” (meglio noto come “Pedocin” e conosciuto per il muro che divide la spiaggia per le donne da quella per gli uomini), Franceschini ha visitato Porto Vecchio, salendo sul treno “Tramway” che entrerà in servizio nel fine settimana e che collegherà il centro di Trieste con il polo culturale (Centrale idrodinamica e magazzino 26) e Barcola. Da parte del ministro è stato confermato l’impegno del Governo per il progetto di riqualificazione di Porto Vecchio, sottolineando come i 50 milioni già stanziati rappresentino un primo passo di quella che è stata definita una priorità nazionale. Con questo investimento, ha ricordato la presidente Serracchiani, si pongono le basi per sfruttare al meglio un’area di 614 mila metri quadrati e 87 edifici da riconsegnare alla città.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»