Berlusconi dice no al partito unico per il centrodestra e spinge per un’area dei moderati

[caption id="attachment_2554" align="alignleft" width="300"] S. Berlusconi[/caption] ROMA - “Non penso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
S. Berlusconi
S. Berlusconi

ROMA – “Non penso a un partito unico dei moderati ma penso a un rassemblement con poche linee e punti nel programma da condividere. Potranno entrare in questa area dei moderati partiti, club, associazioni e privati. E per arrivare a trovare un coordinatore, un leader di questo rassemblement, bisognerà ricorrere a un sistema democratico, non manipolabile, ad esempio attraverso consigli, assemblee, votazioni. Abbiamo due anni, due anni e mezzo di tempo, e poi si tornerà a votare”. Lo ha detto Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, in un’intervista al tg3.

“Salvini è stato informato male. Ho detto proprio che in democrazia il leader lo sceglie il popolo. È nelle monarchie che è il re a scegliere”, chiarisce poi Berlusconi, in un’intervista all’emittente televisiva campana Canale 34.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»