Economia, l’Eurostat: “Italia seconda in Ue per rapporto debito pubblico-pil”

draghi imagoeconomica
L'ufficio di statistica dell'Unione europea certifica un rapporto del 155,8%, solo la Grecia ha numeri peggiori. Nella zona euro spesa pubblica in aumento per fronteggiare la pandemia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Nel quarto trimestre del 2020, l’Italia è il secondo Paese in Ue col rapporto più elevato tra debito pubblico e Pil (155,8%) dopo la Grecia (205,6%). La certificazione dello stato dell’economia arriva dall’Eurostat, l’Ufficio di statistica dell’Unione europea. Seguono Portogallo (133,6%), Spagna (120,0%), Cipro (118,2%), Francia (116,3%) e Belgio (114,1%). A fine 2020, il rapporto tra deficit pubblico e Pil si è attestato all’8% nell’area dell’euro e al 7,5% nell’Ue. Dal punto di vista economico, le risposte alla pandemia di Covid-19 hanno influenzato la spesa totale di tutti gli Stati membri mentre le entrate sono continuate ad aumentare. La spesa pubblica totale nella zona euro è aumentata del 46,8% del Pil, rispetto al 46,2% del Pil nel terzo trimestre del 2020 (circa 61 miliardi di euro rispetto al terzo trimestre del 2020) principalmente a causa di un maggiore impatto delle misure per mitigare l’impatto economico e sociale della pandemia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»