Franceschini: “La Biennale di Venezia dimostrerà che i grandi eventi culturali sono possibili”

Dario-Franceschini
Il ministro della Cultura punta sul famoso appuntamento dedicato all'architettura per vincere la sfida delle grandi kermesse in sicurezza e dell'interpretazione di questo tempo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Biennale Architettura e il Padiglione Italia racchiudono tante sfide. Innanzitutto, la sfida da vincere, come è stata vinta lo scorso anno con il Festival del Cinema, un evento di altissimo livello fatto in sicurezza, è di dimostrare che è possibile svolgere eventi culturali in sicurezza. È una grande sfida a cui guarderanno in tanti e speriamo che le condizioni permettano di andare verso un miglioramento che consenta di aprire sempre di più e fare attività culturali in sicurezza”. Lo ha detto il ministro della Cultura, Dario Franceschini, in occasione della presentazione del Padiglione Italia ‘Comunità Resilienti’ alla 17. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia.

“Un’altra sfida– ha aggiunto il ministro- è interpretare questo tempo di grande cambiamento. Non c’è solo il tema del cambiamento climatico, ma adesso c’è anche quello del mondo dopo la pandemia. Nessuno sa se questa frattura così profonda e globale, che ha cambiato il modo di vivere dei singoli e delle comunità, si chiuderà come una parentesi o, viceversa, se molte cose che sono cambiate durante la pandemia resteranno nei comportamenti individuali e nei modelli sociali. Se si costruissero delle parti nuove delle città dopo la pandemia si costruirebbero in modo diverso perché abbiamo riscoperto la comunità e forse si costruirebbero gli spazi comuni in modo diverso. Si tratta di fare ricerca e innovazione, che è quello che la Biennale ha sempre fatto”, ha concluso il ministro.

LEGGI ANCHE: Sull’Arena di Verona duello shakespeariano tra Salvini e Franceschini

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»