Giappone, per i ricchi la pandemia è un affare: patrimoni aumentati del 50%

giappone
La ricchezza aumentata principalmente grazie al traino delle esportazioni e alla crescita del 54% dei rendimenti dei titoli del Nikkei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Le persone più ricche del Giappone hanno accumulato più ricchezza nell’ultimo anno nonostante la pandemia, e il valore dei loro patrimoni è aumentato del 50%. Il patrimonio netto complessivo delle 50 persone più ricche del Paese è aumentato del 48% a oltre 200 miliardi di euro, principalmente grazie al traino delle esportazioni in alcuni settori e alla crescita del 54% dei rendimenti dei titoli del Nikkei Stock Average.

In testa alla lista dei magnati giapponesi si conferma il presidente e CEO del gruppo tecnologico Softbank, Masayoshi Son, la cui ricchezza è più che raddoppiata, attestandosi a oltre 36 miliardi di euro, seguito dal presidente e amministratore delegato di Fast Retailing Co. Tadashi Yanai, la cui azienda è proprietaria della catena di abbigliamento casual Uniqlo, con un patrimonio di 34 miliardi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»