Il direttore di Repubblica Verdelli licenziato nel giorno della mobilitazione contro le minacce ricevute

Proprio oggi cade il giorno in cui le minacce a Verdelli fissavano la data della sua morte.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Premesso che ho la massima stima professionale per Carlo Verdelli, per Maurizio Molinari e per Massimo Giannini, mi sento di dire che se lo stile significa ancora qualcosa, la contemporaneita’ tra il licenziamento di Verdelli e le minacce a lui rivolte, ebbene e’ davvero infelice, sebbene casuale“. Cosi’ il presidente della Fnsi Beppe Giulietti, interpellato dalla Dire a proposito delle anticipazioni sull’avvicendamento di Carlo Verdelli alla guida di Repubblica da parte del cda di Gedi.

Proprio oggi cade il giorno in cui le minacce a Verdelli (prima attraverso una falsa pagina di wikipedia, poi con un finto manifesto funebre) fissavano la data della sua morte. Da stamattina con l’hashtag #iostoconverdelli a migliaia su twitter manifestano solidarieta’ al direttore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»