Scuola, Invalsi: “Test su quanto appreso durante il lockdown”

"Queste prove non rivestono funzione classificatoria e valutativa ma informativa per i docenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le prove Invalsi si svolgono in periodi diversi dell’anno scolastico e per quelle dell’antica terza media che vanno proposte entro aprile possiamo affermare che non essendoci studenti a scuola queste prove non potranno avere luogo. Per quanto riguarda quelle della scuola primaria e secondaria di secondo grado, queste prove sono previste entro maggio ma temiamo che anche qui non si realizzeranno perche’ gli studenti non sono presenti a scuola. Le prove per il livello 13 non hanno una previsione del periodo, per cui aspettiamo una decisione del ministero perche’ sospendere per quest’anno le prove e’ una decisione politica“. Lo hanno detto i rappresentanti di Invalsi, in audizione in commissione Istruzione del Senato sul dl Scuola.

“Per l’avvio dell’anno scolastico- hanno spiegato ancora- Invalsi sta lavorando alla messa a punto di prove da mettere a disposizione delle scuole e dei docenti per saggiare l’acquisizione delle competenze apprese. Le prove che potremmo offrire si riferiscono a ciascun grado e potrebbero essere utilizzate nel periodo iniziale della classe successiva rispetto a quelle in cui sono previste, per dare la possibilita’ ai docenti di avere una bussola di riferimento che informi in modo attendibile su quanto gli studenti hanno appreso. Queste prove non rivestono funzione classificatoria e valutativa ma informativa per i docenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»