Pazienti Covid-19 e ritorno alla vita normale: la proposta dei fisioterapisti della Lombardia alla Regione

Lettera a Gallera per "migliore ripartenza cittadini colpiti e di chi sta loro vicino"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Come assicurare il ritorno alla vita normale ai migliaia di pazienti che hanno superato l’impatto devastante del contagio Covid-19? Gli oltre 10000 fisioterapisti presenti in Lombardia si sono mobilitati e hanno proposto all’assessorato regionale al Welfare un approccio innovativo per la presa in carico e la gestione post acuzie delle persone dimesse dalle terapie intensive dopo infezione da Covid-19: al momento della dimissione del paziente e’ opportuna la presenza di un fisioterapista per indicare il miglior percorso riabilitativo per le esigenze del paziente.

LE PROPOSTE 

Quale sara’ il futuro di queste persone? Quali esiti fisici oltre a quelli psicologici influenzeranno la vita delle persone sopravvissute al Covid-19? Le Commissioni lombarde di Albo dei fisioterapisti ARIR e AIFI, insieme ai Consigli Direttivi dei sette Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione della Lombardia (TSRM PSTRP) della Lombardia (di cui gli Albi dei fisioterapisti fanno parte), hanno chiesto direttamente all’Assessore Gallera di essere tra gli attori principali del monitoraggio e del recupero delle persone colpite da Covid-19; di poter mettere al servizio dei cittadini le loro conoscenze come professionisti sanitari competenti nel riportare le persone a una qualita’ di vita famigliare, affettiva, sociale, lavorativa e sportiva equivalente alle condizioni precedenti la malattia (o nei casi di residue disabilita’ al livello qualitativamente migliore possibile). Le conseguenze del Covid-19 sui sistemi neurologici, muscolo-scheletrici, vascolari e soprattutto cardio-polmonari non sono ancora del tutto chiare, ma quanto osservato dai firmatari durante il loro operato presso le strutture ospedaliere e le terapie intensive, assommato alle testimonianze di coloro che sono rientrati al domicilio dopo la fase acuta, non lasciano dubbi: l’impatto della malattia sull’autonomia, pur essendo molto variabile, raggiunge molto spesso livelli gravemente invalidanti che si protraggono per diverse settimane, limitando persino le piu’ semplici attivita’ della vita quotidiana, senza distinzione di eta’ o di condizione fisica di partenza.

LE AZIONI DA METTERE IN CAMPO

Per questo – affermano i fisioterapisti – non e’ pensabile affidarsi solo alla buona volonta’ dei singoli e dei loro familiari che spesso non hanno risorse adeguate o ricevono indicazioni generiche, incomplete, improvvisate o addirittura dannose dalle fonti piu’ disparate. È quanto mai necessario valutare (possibilmente stratificando le persone piu’ a rischio di sequele) e monitorare nel tempo le condizioni suscettibili di intervento fisioterapico, con particolare attenzione agli aspetti cardio-respiratori, e prevedere per chi lo necessita programmi individualizzati di fisioterapia al domicilio, anche con l’utilizzo dei sistemi di consulenza e monitoraggio in remoto. Curare l’autonomia oggi per prevenire la necessita’ di cure e terapie domani, ma soprattutto per una migliore ripartenza e qualita’ di vita dei cittadini colpiti e di chi sta loro vicino: ecco quanto sottolineato da AIFI e ARIR.

Al momento della dimissione del paziente e nella Centrale Unica Regionale Dimissione Post Ospedaliera e’ opportuna la presenza di un fisioterapista con competenze elevate in fisioterapia respiratoria che possa prestarsi ad offrire il suo contributo nella corretta destinazione riabilitativa che meglio risponde alle esigenze del paziente. Le Associazioni che hanno firmato la lettera – che e’ inviata, oltre che, all’Assessore Giulio Gallera, anche al Direttore Generale Welfare, Luigi Cajazzo, al Direttore dell’Unita’ di Crisi, Marco Salmoiraghi; al presidente della Commissione sanita’ del Consiglio Regionale, Emanuele Monti e alle principali Associazioni dell’Ospedalita’ Privata – chiedono alla Regione Lombardia che si agisca immediatamente per prevedere la presenza del fisioterapista come indicato, sviluppando con coraggio i cambiamenti necessari per attuare una veloce, efficace e indispensabile presa in carico delle persone con bisogno di salute post Covid-19.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»