Libraio di Reggio Calabria: “Mai più testi di Feltri qui da noi”

La decisione di Fabio Saraceno, titolare della storica libreria Ave, arriva dopo le affermazioni del direttore di Libero nel corso di una trasmissione televisiva su Rete4
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Nel rispetto della differenza di opinioni una libreria non dovrebbe prendere posizione ma, questa volta, ci sentiamo di fare una doverosa eccezione. Il signore (Vittorio Feltri, ndr) con questo notevole curriculum non troverà più posto nei nostri scaffali e abbiamo provveduto a restituire le pochissime copie ordinate, rimaste per altro invendute, della sua ultima fatica editoriale”. Così Fabio Saraceno, titolare della storica libreria Ave di Reggio Calabria, frequentata in passato dallo scrittore Corrado Alvaro, dopo le affermazioni del direttore di Libero nel corso di una trasmissione televisiva su Rete4.

LEGGI ANCHE: Feltri e le indecenti parole contro il Sud, pronta denuncia per istigazione all’odio 

Il libraio in un post sulla pagina Facebook della libreria ha riportato poi alcune esternazioni del giornalista – “Credo che in molti casi i meridionali siano inferiori”; “Montalbano? Un terrone che ci ha rotto i c***i almeno quanto suo fratello Zingaretti”; “Comandano i terroni” – concludendo: “Essere conterranei di Camilleri, Sciascia, Verga, Alvaro, Tomasi di Lampedusa, Pirandello, Quasimodo, Silone, Bruno non puo’ che renderci ancora più orgogliosi di essere terroni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»