Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fine vita, il governo italiano concede la cittadinanza a Alfie: “Venga in Italia”

"In tale modo, il governo italiano auspica che l'essere cittadino italiano permetta, al bambino, l'immediato trasferimento in Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I ministri Alfano e Minniti hanno concesso la cittadinanza italiana al piccolo Alfie. In tale modo, il governo italiano auspica che l’essere cittadino italiano permetta, al bambino, l’immediato trasferimento in Italia”. Lo comunica la portavoce del ministro Alfano, che interviene in questo modo nela vicenda di Alfie Evans, il bambino inglese di 23 mesi ricoverato ‘Alder Hey’s Hospital di Liverpool per una grave malattia neurodegenerativa.

I medici inglesi erano stati autorizzati da tutte le corti di ogni ordine e grado a staccare la spina al bimbo perchè tenerlo in vita costitutirebbe, secondo i medici di quello che viene considerato uno tra i migliori ospedali pediatrici del Regno Unito, solo accanimento terapeutico, infliggendo dolore a lui e senza alcuna possibilità di salvarlo o di migliorare la sua condizione.

A nulla sembravano essere servite le proteste dei genitori, che si erano visti respingere il ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani. Le procedure per il distacco delle macchine che lo tengono in vita sarebbero dovute iniziare alle 14 ora italiana ma, stando a quanto riporta la stampa inglese, la procedura non è partita e il caso potrebbe tornare in tribunale.

Con la mossa del governo italiano, però, potrebbero aprirsi nuovi scenari con l’Italia che potrebbe offrirsi per accogliere il piccolo Alfie ed i suoi genitori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»