Migranti, Romani (Forza Italia): “Navi Ong stimolano attività contrabbandieri”

Il presidente dei senatori di Forza Italia interviene sulla questione delle 14 navi ong che svolgono attività di salvataggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il binomio immigrazione terrorismo non è ancora un binomio automatico mentre lo è sicuramente il binomio immigrazione incontrollata e riduzione della sicurezza. E’ questo il problema con cui abbiamo a che fare”. Lo dice il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani, intervistato da Lucia Annunziata a ‘In 1/2 ora’. Con questa premessa, Romani affronta la questione delle navi Ong che svolgono attività di salvataggio: “Le 14 navi delle organizzazione non governative che stazionano a 12 miglia dalle coste libiche- sostiene il capogruppo di Fi- sono un polo di attrazione rispetto alla possibilità che hanno i criminali, che mettono sulle barche fatiscenti questi poveri migranti economici perché sanno che poi, a poche miglia, verranno salvati“.

“Dice Frontex- aggiunge Romani- che le missioni di ricerca e soccorso a 12 miglia dalle acque territoriali hanno conseguenze non intenzionali cioè fungono da stimolo alla pianificazione di nuove attività da parte dei contrabbandieri” e dagli scafisti. E cita i dati: “Lo scorso anno le telefonate di avvistamento arrivavano direttamente al centro di Roma, queste telefonate ora si sono ridotte al 10% e il 40% dei salvataggi oggi vengono fatte dalle navi Ong“. Insomma, conclude Romani, bisogna distinguere “fra organizzazioni umanitarie come ‘Medici senza frontiere’ e ‘Save the children’, che coraggiosamente si mettono in mare e altre organizzazioni molto oscure, come Moas. C’è ormai purtroppo un fattore di attrazione che stanno diventando le navi Ong”.

LEGGI ANCHE:

Migranti, Lega nord: “Perchè non arrestiamo equipaggi ong?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»