hamburger menu

Ucraina, la Lega critica le sanzioni alla Russia: “Paga Pantalone Italia”

Le parole di Marco Maggioni in Aula, dopo l'informativa di Mario Draghi

Pubblicato:23-03-2022 11:39
Ultimo aggiornamento:23-03-2022 11:39
Canale: Politica
Autore:
benzina01
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA –  La Lega esprime in aula critiche nette alla politica delle sanzioni contro la Russia, per gli effetti che queste hanno sull’economia nazionale. “Paga sempre Pantalone, ma Pantalone è esausto“, dice Marco Maggioni in aula, dopo l’informativa di Mario Draghi. “Le sanzioni avranno anche colpito la Russia ma certamente segnano il nostro paese. Se tutti conosciamo l’espressione ‘paga Pantalone’, allora ripensiamo agli ultimi anni”, dice Maggioni che tra le altre cose ricorda “la pandemia da Covid 19 proveniente dalla Cina, e che ha pagato Pantalone. Oggi siamo alla guerra con l’aggressione della Russia all’Ucraina“. La reazione è doverosa, “ma le sanzioni se non controbilanciate da immediate politiche attive europee di sostegno all’economia che effetto avranno? Che pagherà ancora Pantalone. Ma Pantalone è esausto”.

LEGGI ANCHE: Ok al decreto Taglia prezzi da 4,4 miliardi. Prezzo benzina e gasolio giù di 25 centesimi

DRAGHI: “SERVE TETTO EUROPEO A PREZZO GAS

 Il premier Mario Draghi spiega che “è auspicabile un coordinamento tra Commissione e Stati membri sulla diversificazione degli approvvigionamenti di gas, soprattutto di gas liquido. Serve un approccio condiviso sugli acquisti e sugli stoccaggi, per rafforzare il nostro potere contrattuale verso i Paesi fornitori e tutelarci a vicenda in caso di shock isolati”. Nel corso di un’informativa alla Camera, Draghi sottolinea che “la creazione di un tetto europeo ai prezzi del gas è al centro di un confronto che abbiamo avviato con la Presidente von der Leyen. Vogliamo poi spezzare il legame tra il prezzo del gas e quello dell’elettricità, che è in parte prodotta da fonti alternative, il cui prezzo non ha nulla a che vedere con quello del gas”. 

 DRAGHI: “PUNTARE IN MODO DECISO SU RINNOVABILE

 “È essenziale puntare in modo deciso sull’energia rinnovabile e dare un ruolo centrale alla sponda sud del mediterraneo. Su tutti questi fronti, auspico che il Consiglio europeo prenda decisioni ambiziose che possano essere rapidamente operative”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-23T11:39:03+01:00

Ti potrebbe interessare: