Rocco Schiavone e l’amore: anticipazioni e una clip in esclusiva dell’ultima indagine

Un'indagine notturna e segreta in pigiama e loden tra i corridoi dell’ospedale terrà occupato il burbero vicequestore di Aosta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Torna su Rai2, mercoledì 24 marzo alle 21.20, il burbero-trasteverino vicequestore Rocco Schiavone. La trasposizione televisiva del celebre protagonista delle opere letterarie di Antonio Manzini, interpretato da Marco Giallini, torna in tv con la seconda e ultima indagine dal titolo “Ah l’amore, l’amore”.

La serie tv, alla sua quarta stagione, è una co-produzione Cross Productions, Rai Fiction, Beta Film per la regia di Simone Spada.

Rocco è in ospedale perché ha subito un’operazione molto seria, ma il lavoro, suo fedele compagno, lo segue anche lì. Nello stesso periodo, infatti, perde la vita Roberto Sirchia, un noto industriale della zona, in seguito a un errore trasfusionale. Rocco, che nonostante sia convalescente continua a sentire ‘gli odori’, capisce che questa morte non è solo errore di malasanità. Così, mosso dalla stima e dalla riconoscenza nei confronti del primario Negri, che lo ha operato e salvato, inizia ad indagare.

Inizia così una indagine notturna e segreta in pigiama e loden tra i corridoi dell’ospedale. È proprio qui che Rocco entra in contatto con un’umanità silenziosa, sofferente e abbandonata, in cui non faticherà a riconoscersi. Marina, che nonostante tutto non lo abbandona mai, lo incita a tornare a vivere, a riscoprire la felicità e l’amore.

Quegli stessi sentimenti che hanno fatto irruzione nella la vita di Ugo Casella, che ha perso la testa per la sua vicina Eugenia, o nella vita di Antonio, che non è più in grado di gestire le sue tre amanti, o ancora di Fumagalli e della Gambino, che ormai non nascondono più  la loro attrazione. È la fine dell’anno,  Rocco è pronto a festeggiare la notte di San Silvestro con una donna bellissima e  affascinante. Sarà forse lei a riaccendere in lui l’amore?

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»