Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Evelyn Regner: “Creare possibilità di accesso al credito per le imprenditrici”

donne-lavoro
È questo il monito che la presidente della Commissione per i Diritti delle Donne e l'Uguaglianza di Genere del Parlamento europeo, Evelyn Regner, ha voluto lanciare stamattina intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parità di genere e iniziativa 'No women no panel - senza donne non se ne parla'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quando si tratta di distribuire fondi le donne devono essere presenti”. È questo il monito che la presidente della Commissione per i Diritti delle Donne e l’Uguaglianza di Genere del Parlamento europeo, Evelyn Regner, ha voluto lanciare stamattina intervenendo al webinar ‘Next Generation Eu: politiche per la parità di genere e iniziativa ‘No women no panel – senza donne non se ne parla’. “I finanziamenti sono essenziali- continua Regner- Abbiamo proposte, offerte, richieste ma ci sono ancora troppi pregiudizi culturali. Si dice che le donne abbiano meno propensione a diventare imprenditrici”. Ma in realtà, il problema è che le donne “partono con uno zaino pesante sullo spalle e devono cercare di cavarsela. Nelle istituzioni finanziarie ci sono soprattutto uomini, per le donne non c’è molta possibilità”. Eppure “io sono a membro della Commissione per le finanze e l’economia e vedo quanto sia importante che siano presenti nelle istituzioni, alla Banca centrale e in altri enti, con una pari rappresentanza”. Le donne imprenditrici “si devono confrontare ancora con diversi pregiudizi e stereotipi e troppo spesso non hanno la possibilità di avere accesso crediti. Abbiamo bisogno di donne che investono- sostiene Regner- Perché le donne investono così poco? Questa è la domanda che dobbiamo sempre porci. E dobbiamo anche contattare le assicurazioni, le banche che concedono i crediti, la Banca Europea”, dove “vengono prese importanti decisioni. Anche lì l’equilibrio non è equo. Troppi uomini investono- conclude- e noi dobbiamo creare la possibilità alle donne di avere accesso al credito”.

LEGGI ANCHE: Scuola, Bonetti: “Analizziamo i dati per valutare riaperture in zona rossa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»