Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Diego Armando Junior riceverà a Roma la cittadinanza argentina

maradona
"Ho sempre saputo con certezza di essere 50 per cento napoletano e 50 per cento argentino", ha dichiarato il figlio del Pibe de oro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Giovedì, nella sede del Consolato Generale a Roma, verrà concessa la cittadinanza argentina al figlio italiano di Diego Armando Maradona. Diego Armando Maradona junior è di origine napoletana, giornalista sportivo, allenatore di calcio e padre di due figli: la legge di cittadinanza, che prevede questa possibilità per i figli di argentini nati all’estero, permetterà a Maradona di raggiungere ciò che definisce come “il compimento di un sogno a lungo desiderato”. “Ho sempre avuto la voglia e il desiderio di confermare la mia discendenza argentina. Ho sempre saputo con certezza – ha dichiarato il figlio del Pibe de oro quando dal Consolato gli è stato confermato che tutta la documentazione era in ordine – di essere 50 per cento napoletano e 50 per cento argentino. Per me è un orgoglio ed un’emozione enorme e so che, dal cielo, anche mio padre sarà molto orgoglioso, il suo amore per l’Argentina era più grande di lui”. “Ancora una volta – ha sottolineato la ministra Ana Tito, Console Generale a Roma – Diego ci dà allegria, sentire il desiderio di suo figlio di essere argentino, le sue richieste d’informazione riguardo a come ottenere la nazionalità anche per i suoi figlioli, incrementano il nostro orgoglio di essere argentini, così come riusciva suo padre con il pallone tra i piedi o quando, seguendo le sue convinzioni, si ribellava di fronte a ciò che considerava ingiusto. A Napoli si sostiene come un mantra che Diego fu ‘un napoletano nato in Argentina’ e prossimamente noi, gli argentini, potremo concludere questa affermazione – indiscutibile perché nasce dall’affetto – dicendo che ‘tutti i Maradona nati a Napoli sono anche argentini’, ha concluso la Console.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»