Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Recovery, De Luca: “50% al Sud. Ora pronti solo progetti grandi lobby”

Vincenzo de luca
Per il governatore della Campania occorrerà fare una "battaglia" sull'uso delle risorse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Per me è indispensabile avere almeno il 50% di risorse”. È la richiesta formulata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante il convegno ‘Sud – Progetti per ripartire’ che si sta svolgendo in videoconferenza. Per il governatore occorrerà fare una “battaglia” sull’uso delle risorse del Recovery.

“Credo – ha spiegato – che sia un’occasione per intervenire colmando i tre divari dell’Italia, tutti collocati al Sud: territoriali, quindi infrastrutturali, sociali, perché legati alla disoccupazione giovanile, e di genere”. “Tuteliamo l’efficienza del Paese, ma – ha osservato De Luca – non prendiamoci in giro. A volte mi viene il dubbio che l’unica cosa pronta siano grandi progetti di grandi lobby da fare in altre parti d’Italia”. “Il Sud – ha ricordato – dovrebbe ottenere il 34% della spesa ordinaria, ma gli investimenti sono in caduta libera. Così, il Sud è condannato alla desertificazione”.

La strategia della Campania sarà quella di “non polverizzare le risorse, ma usarle per grandi interventi strutturali”, puntando poi sulle eccellenze territoriali come l’aerospazio, l’automotive e la ricerca sulle energie rinnovabili, ma anche su grandi piattaforme logistiche e il potenziamento delle reti portuali. “Guardo alle scadenze europee per gli investimenti – ha aggiunto il governatore – come a un banco di prova per una semplificazione radicale. O cogliamo questa occasione per intervenire con la spada sui processi di sburocratizzazione o non illudiamoci: non investiremo niente e avremo perso una grande occasione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»