Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pd, Marcucci scrive a Letta: “Sì a capigruppo donne, ma nessuna imposizione”

Il capogruppo dem al Senato ed esponente di Base Riformista fa un passo indietro dopo il braccio di ferro con il neosegretario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Andrea Marcucci accoglie l’indicazione del segretario Pd Enrico Letta, perché siano le donne a guidare i gruppi parlamentari dem, ma chiede che la questione della parita di genere venga posta a tutti i livelli. “Faremo la scelta che ci chiedi, ma rigettiamo le imposizioni”, dice.

LEGGI ANCHE: Pd, gruppo alla Camera dice sì a Letta: presidente sarà una donna

In una lunga lettera, il presidente dei senatori ripercorre i tre anni in cui è stato alla guida del gruppo a Palazzo Madama. Riconosce un ruolo centrale alla questione posta da Letta. Ma non fa un passo indietro, come è stato invece alla Camera con Graziano Delrio. “Caro Segretario, bentornato, benvenuto. Credo che sia giusto scriverti queste poche righe prima che tu partecipi all’Assemblea del nostro Gruppo perché certe cose rischiano poi di perdersi o di rimanere soffocate nel vociare del dibattito sui giornali, sui social. Certe cose che magari sono piccole, dettagli, cronaca, ma che noi, per le persone che ti troverai davanti tra qualche ora, sono importanti, sono la storia vissuta di questi tre anni. Tre anni che ne valgono molti di più, credimi”, dice Marcucci nella lettera che precede l’incontro di oggi pomeriggio tra Letta e i senatori dem.

“In questo gruppo parlamentare – dice Marcucci- crediamo che la questione dell’alternanza di genere sia fondamentale per il nostro partito. Crediamo anche che oltre gli atti simbolici, che pur a volte sono necessari, serva allargare il campo alle prossime elezioni amministrative, si vota in 8 importanti città, ai tanti luoghi dove un Pd declinato troppo al maschile, esercita funzioni di governo, e non ultimo nella cariche apicali del partito, dove per troppi anni le donne non sono state protagoniste”.

Marcucci ricorda che spesso “si dice che chi ha il compito di prendere delle decisioni si senta spesso solo. Io devo essere un uomo particolarmente fortunato, perché in questi tre anni ne ho prese tante ma non mi sono mai sentito solo, non l’ho mai fatto da solo. E anche questa scelta, che tu ci chiedi- dice Marcucci – la faremo come le altre, tutti insieme, rivendicando la nostra autonomia, rispettando le regole ed acccogliendo tutti i consigli ma rigettando anche le imposizioni strumentali“. È quindi probabile che il gruppo del Senato non voti oggi per la presidenza. L’assemblea resta confermata per le 15 e 30.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»