Ndrangheta, gli interessi dei Piromalli sull’Asp di Reggio Calabria: 14 arresti

Forti delle posizioni ricoperte nel comparto sanitario regionale e avvalendosi della capacità intimidatoria derivante dall'appartenenza alla cosca avrebbero compromesso il sistema gestionale dei distretti sanitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Quattordici arresti sono stati effettuati oggi dai carabinieri del Ros nel reggino nei confronti di persone ritenute affiliate alla cosca di ndrangheta Piromalli. La richiesta è stata fatta dalla Procura di Reggio Calabria direzione distrettuale antimafia. L’operazione denominata ‘Chirone‘ fa luce su presunti interessi del sodalizio criminale sulle attività dell‘Azienda sanitaria provinciale. Contestualmente è stato eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per circa 8 milioni di euro.

Le indagini, concluse nel 2018, si sono concentrate sull’Asp di Reggio Calabria la cui competenza si estende sull’intera provincia amministrativa suddivisa nei distretti sanitari di Reggio Calabria, Tirrenico e Ionico ed il cui funzionamento è stato alterato dai condizionamenti mafiosi. Le attività dei carabinieri hanno consentito di documentare gli assetti organizzativi della cosca Piromalli, nel cui contesto, secondo gli investigatori, hanno assunto posizione di particolare rilievo i medici Giuseppantonio e Francesco Michele Tripodi, fratelli recentemente deceduti nel 2018 e il figlio di quest’ultimo, Fabiano, anche lui medico. I primi due, nel tempo, hanno ricoperto vari incarichi nelle Aziende sanitarie di Reggio Calabria, Gioia Tauro, Palmi Reggio Calabria e Tropea (Vibo Valentia), mentre Fabiano Tripodi è risultato figura di riferimento di vari assetti societari operanti nel settore sanitario. Gli interessati, forti delle posizioni ricoperte nel tempo nel comparto sanitario regionale e avvalendosi della capacità intimidatoria derivante dall’appartenenza alla cosca Piromalli, hanno compromesso il sistema gestionale dei distretti sanitari dell’Asp di Reggio Calabria, acquisendo in tale ambito una posizione dominante. Al riguardo, è emerso come, tra le altre, siano state alterate le procedure di nomina del direttore del distretto Tirrenico dell’Asp di Reggio Calabria e come, per mezzo di alcune società, sia stata monopolizzata la filiera economica della distribuzione dei prodotti medicali a strutture pubbliche ospedaliere dell’Asp di Reggio Calabria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»