In rianimazione a 27 anni a Napoli, estubato dopo trattamento con Tocilizumab

"È l'unico paziente a cui abbiamo fatto una doppia somministrazione" racconta il direttore della Uoc di Oncologia dell'azienda Ospedaliera dei Colli, Vincenzo Montesarchio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Sono circa quaranta i pazienti trattati all’ospedale Cotugno di Napoli con il farmaco anti artrite Tocilizumab, su cui è in corso la sperimentazione da parte dell’Aifa. Tra questi, quattro che si trovavano in terapia intensiva sono stati estubati oggi. In particolare un ragazzo napoletano di 27 anni, asmatico ma che non aveva altre patologie pregresse.
“Era in brutte condizioni – racconta alla Dire il direttore della Uoc di Oncologia dell’azienda Ospedaliera dei Colli, Vincenzo Montesarchio -, si trovava in rianimazione. È l’unico paziente a cui abbiamo fatto una doppia somministrazione di Tocilizumab, la prima il 18 marzo e poi una seconda nuovamente il 19 marzo. Ora le sue condizioni sono migliorate, possiamo dire che sono buone. Le rianimatrici che lo hanno assistito erano molto contente”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, a Napoli estubati due pazienti trattati con il Tocilizumab

Coronavirus, Ascierto (Pascale): “Tocilizumab riduce complicanze respiratorie in tutti i pazienti Covid”

Coronavirus, Ascierto risponde a Galli su Tocilizumab: “Priorità è la salute dei pazienti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»