“Tamponi per tutti”: la proposta di Fratelli d’Italia in un emendamento al ‘Cura Italia’

Lo annuncia il senatore Francesco Zaffini: "Il problema è la gente che ha l'infezione ma sta bene e la trasmette"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un emendamento al decreto ‘cura Italia’ per permettere alle regioni di fare tamponi di massa. Lo presentera’ Fratelli d’Italia, secondo quanto annuncia il senatore Francesco Zaffini, capogruppo del partito in commissione Sanita’.

Interpellato dall’agenzia Dire, Zaffini dice: “Oggi la comunita’ scientifica e’ finalmente d’accordo nel ritenere che il grande problema della diffusione esponenziale del Covid-19 e’ la presenza in mezzo alla gente di portatori senza sintomi, cioe’ gente che ha l’infezione ma sta bene e la trasmette”.

Zaffini parla soprattutto di “categorie a rischio come gli operatori sanitari, quelli della grande distribuzione, le forze dell’ordine e tutti quelli che lavorano e che quindi non stanno a casa in casa”.

Ma, aggiunge, “anche quelli che stanno in casa nei confronti dei propri familiari sono untori perfetti e inconsapevoli. Vanno trovati e oggi e’ disponibile un test rapido, anzi piu’ d’uno: alcuni danno risposte 15 minuti, alcuni in un’ora“.

Questi test, chiede Zaffini, “devono essere messi a disposizione delle regioni, che devono avere la possibilita’, attraverso disposizioni del governo, di acquistare questi test e usarli in larga misura attraverso i medici famiglia e attraverso i distretti”.

Quindi, annuncia: “Proporremo come Fratelli d’Italia un emendamento al decreto per dare le risorse alle regioni per acquistare questi test che non costano tanto, dai 12 ai 20 euro a testa: una piccola cifra puo’ salvare tante vite umane”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»