Coronavirus, Musumeci: “Sbarchi non autorizzati sullo Stretto dalla Calabria”

Il governatore siciliano lo denuncia con un post Facebook. Il sindaco di Messina Cateno De Luca: " Stasera blocco personalmente lo sbarco indiscriminato"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Non consento più l’attraversamento indiscriminato dello Stretto. Stasera mi metterò personalmente a bloccare lo sbarco indiscriminato e attendo che qualcuno si faccia avanti per arrestarmi”. Lo dichiara il sindaco di Messina che teme per il rischio contagio da Covid-19.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, arriva il divieto di spostamento in un comune diverso da quello in cui ci si trova

L’allarme era partito dal governatore siciliano Nello Musumeci in piena notte con un post che diventa subito virale sui social network: “Mi segnalano che a Messina stanno sbarcando dalla Calabria molte persone non autorizzate. Non è possibile e non accetto che questo accada”. Messaggio accompagnato da una foto che mostra una lunga fila di auto in colonna sulle sponde dello Stretto: è lo spettro dei rientri dal nord Italia che da settimane preoccupa il presidente della Regione per le possibili ripercussioni sanitarie legate al rischio contagio da coronavirus.
Il blocco dei collegamenti con la terraferma stabilito dal ministero dei Trasporti di concerto con la Regione, che consente il traffico soltanto ai pendolari dello Stretto e a pochi altri per motivi strettamente professionali o sanitari, sembra sfumare davanti a quella colonna di auto.
“Ho chiesto al prefetto di intervenire immediatamente – ancora Musumeci -. C’è un decreto del ministro delle Infrastrutture e del ministro della Salute che lo impedisce. Pretendo che quell’ordine venga rispettato e che vengano effettuati maggiori controlli alla partenza. Il governo nazionale intervenga perchè noi siciliani non siamo carne da macello”.

“I ministri che non riescono a far rispettare le proprie ordinanze – sottolinea De Luca – non dovrebbero dimettersi?”, si chiede prima di arrivare alla conclusione: “Si continua con la logica della Sicilia pattumiera d’Italia. Mi auguro che sia gente autorizzata in base alle nuove disposizioni”.
In piena notte nuovo messaggio di Musumeci su Facebook: “Ho appena avuto conferma dalla prefettura di Messina che saranno ulteriormente intensificati i controlli sullo Stretto. Possono passare, alla luce del provvedimento nazionale, solo i pendolari che svolgono servizio pubblico, come sanitari, forze armate e di polizia. Basta. Stiamo facendo sacrifici enormi e bisogna dare certezze a tutti i cittadini che questa fase è seguita con impegno”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, caos sullo Stretto, De Luca: “Anche medici bloccati dalla riduzione dei traghetti”

MUSUMECI A LAMORGESE: “NESSUNA VIGILANZA SULLO STRETTO”

“Lei sta assumendosi una grave responsabilità nel vanificare gli sforzi ed i sacrifici di milioni di siciliani. Agli imbarcaderi della Calabria nessuno vigila sul rispetto dei vostri decreti. Non posso consentire tanta irresponsabilità da parte del governo nazionale verso la Sicilia”. Lo ha scritto, stamane, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in una nota inviata alla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, in riferimento al transito di numerosi automezzi nello stretto di Messina. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»