Al cinema l’horror spaziale ‘Life – Non oltrepassare il limite’, ecco cosa c’è di vero

Il film fantascientifico diretto da Daniel Espinosa è interamente ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale. Barbara Negri (Asi) spiega cosa è verosimile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Esce oggi al cinema ‘Life – Non oltrepassare il limite’, un horror fantascientifico diretto da Daniel Espinosa interamente ambientato sulla Stazione Spaziale Internazionale.

L’equipaggio, composto da sei astronauti- due donne e quattro uomini-, passa dalla gloria all’incubo. Dopo aver portato a bordo il primo campione di suolo marziano, arriva la scoperta che tutto il mondo aspetta: contiene la prima traccia di vita extraterrestre. E’ una cellula con proprietà sia muscolari che nervose, che, adeguatamente riscaldata, si risveglia da una lunga ibernazione. E inizia a crescere e a interagire, soprattutto con Hugh Derry (interpretato da Ariyon Bakare) che se ne occupa nello speciale laboratorio anti-contaminazione allestito a bordo. Ma ‘Calvin’, così viene battezzato l’alieno, è un essere vivente sconosciuto, di cui si ignorano limiti e scopi.


Scopriranno tutto a loro spese gli astronauti David Jordan (interpretato da Jake Gyllenhaal), Miranda Nort (Rebecca Ferguson), Roy Adams (Ryan Reynolds), Sho Kendo (Hiroyuki Sanada) e Kat (Olga Dihovichnaya), la severa responsabile delle ‘barriere‘, cioè i meccanismi di difesa per salvaguardare la Terra da un’eventuale minaccia aliena. Quella che Calvin rappresenta. Non finirà bene.

Ma in quest’apocalisse che viene dallo Spazio, quanto c’è di verosimile? Lo abbiamo chiesto a Barbara Negri, Responsabile Unità Esplorazione e Osservazione dell’Universo dell’Agenzia Spaziale Italiana, dopo aver visto il film in anteprima nell’auditorium dell’ente.

Partiamo dall’ambientazione. La Stazione Spaziale che vedrete sullo schermo è, più o meno, quella della realtà. “La ricostruzione della Stazione spaziale è molto vera– spiega Negri-, la parte dei laboratori, soprattutto, è fatta molto bene”. C’è però, qualcosa di inverosimile nei meccanismi di comunicazione mostrati da ‘Life’, in cui i contatti con la Terra si interrompono irreversibilmente. “Questo, nella realtà, non potrebbe succedere. Il blackout totale della comunicazione non è credibile perché i sistemi sono ridondati: se ne decade uno primario ce ne sono di altri, l’interruzione può essere solo temporanea”.

Il protocollo, invece, con cui l’equipaggio si approccia all’alieno “sembrerebbe che vada bene- commenta Negri-, ma mi sembra che ci sia una superficialità di base nel rapporto dello scienziato verso il microrganismo. La cosa giusta sarebbe stata non dare la confidenza che si vede all’inizio del film . I protocolli di attività di questo tipo si baseranno su protezione e diffidenza maggiore. L’atteggiamento che ha il personaggio è troppo superficiale”.

Specifichiamo che, attualmente, sulla Stazione Spaziale non esistono ancora indicazioni ad hoc per trattare con gli alieni. Lo ha spiegato l’astronauta Paolo Nespoli, in collegamento da Houston con l’auditorium dell’Agenzia Spaziale: “Sulla Iss ci sono procedure per tutto, procedure che contemplano ogni possibile situazione. Non ce ne sono, però, per un eventuale contatto con la vita intelligente”. Ma è solo questione di tempo. Quello che proprio non è realistico è invece la parte più spaventosa del film, la crescita a dismisura del sanguinario Calvin. “E’ inverosimile la crescita eccessivamente veloce dell’alieno– commenta Negri-. L’evoluzione rapidissima fino a diventare un essere di tipo aggressivo non è realistica”. E la possibilità di sganciare la navicella Soyuz per una fuga di emergenza dalla Stazione? “Quella esiste, ci sono Soyuz fatte per evacuare. Si tratta di una Soyuz programmata, però, solo e soltanto per il rientro a Terra, un rientro che avviene in ‘caduta’. Una Soyuz che parte verso lo Spazio profondo”, come si vede nel film, “non esiste, è inverosimile”.

di Antonella Salini, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»