Effetto Bruxelles, a Venezia disdette degli americani negli hotel di lusso

VENEZIA - Poche disdette negli hotel ma diminuiscono le
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Venezia_canale2

VENEZIA – Poche disdette negli hotel ma diminuiscono le prenotazioni negli alberghi di lusso, dalle quattro stelle in su. Questi gli effetti sul turismo a Venezia degli attentati terroristici di ieri a Bruxelles, registrati dall’Ava (Associazione veneziana albergatori). “Quello che si teme è la diminuzione delle prenotazioni soprattutto da parte dei turisti americani”, annuncia Claudio Scarpa, presidente dell’Ava, nello spiegare che “gli americani sono la prima nazionalità per numero di presenze a Venezia, rappresentano circa il 20% delle presenze e costituiscono il 30% del fatturato per gli hotel di categoria superiore a 4 e 5 stelle”. Normale quindi che l’invito a evitare viaggi in Europa, diffuso oggi dal Dipartimento di Stato americano, sia fonte di preoccupazione per la categoria, ma potrebbe rappresentare un brutto colpo per tutta l’economia veneziana. “Siamo già in contatto con Federalberghi Roma- conclude Scarpa- per creare un canale diretto e continuo di confronto e studiare eventuali azioni comuni da avviare”.

Di Fabrizio Tommasini, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»