NEWS:

Roma, Abraham in campo con una maschera speciale contro il Salisburgo

Abraham vuole essere in campo a tutti i costi e così per lui è stata progettata una leggerissima maschera in fibra di carbonio per proteggere l'occhio danneggiato nel match contro il Verona

Pubblicato:23-02-2023 13:50
Ultimo aggiornamento:24-02-2023 11:15

FacebookLinkedIn

ROMA – Per aiutare a raggiungere gli ottavi di Europa League questa sera all’Olimpico contro il Salisburgo Tammy Abraham è disposto a scendere in campo con una maschera in fibra di carbonio, che proteggerà il suo occhio danneggiato dopo il colpo subito da Mancini domenica scorsa durante il match contro il Verona. Il giocatore vuole esserci a tutti i costi e, dopo il via libera dei medici, ha dato la sua disponibilità a mister Mourinho. L’attaccante giallorosso vuole infatti lasciarsi alle spalle l’infortunio che lo ha costretto a sei punti di sutura alla palpebra inferiore, applicati solo pochi giorni fa a Villa Stuart. Tanta paura per l’ex giocatore del Chelsea ma per fortuna nessuna lesione all’occhio, che questa sera sarà preservato da una sorta di lente montata sulla maschera, già esibita ieri durante gli allenamenti a Trigoria.

Quella di Abraham è una maschera leggerissima, con un peso inferiore ai 40 grammi, disegnata sul volto dell’attaccante per offrirgli la miglior visibilità possibile. Ma è opportuno che il calciatore della Roma torni già in campo? L’agenzia Dire lo ha chiesto al dottor Marco Scurci, membro di Aimo (Associazione Italiana Medici Oculisti) e di SISO (Società Italiana delle Scienze Oftalmologiche ) e dirigente medico presso il reparto di Oftalmologia dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma: “È difficile giocare in quel modo, per due motivi- spiega- da un lato per le limitazioni al campo visivo e dall’altro per la possibilità che la lente in plastica, seppur dotata di forellini, possa appannarsi con il sudore e con il calore durante la partita. La ferita della palpebra, suturata da pochi giorni, rischierebbe di riaprirsi qualora Abraham dovesse ricevere un nuovo colpo durante la partita”.

Quanto alla maschere indossate dai calciatori di serie A, fa sapere ancora il dottor Scurci, oltre ad essere molto leggere “vengono disegnate, attraverso un calco, proprio sul viso della persona. Nel caso di Abraham sullo zigomo e sull’osso mascellare. Si tratta di maschere di alta tecnologia, piuttosto costose”. Diverso invece il caso di Victor Osimhen, l’attaccante nigeriano del Napoli che nel novembre 2021 subì un terribile infortunio che lo costrinse ad un lungo stop. Una volta rientrato in campo, lo fece con una maschera, in questo caso sprovvista di lenti in plastica, che avrebbe lo scopo di “proteggere il massiccio facciale operato da ulteriori traumi, in questo caso senza particolari limitazioni della capacità visiva e del campo visivo”, conclude l’esperto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn