hamburger menu

Medicina del dolore, tre meeting digitali per condividere le competenze multiprofessionali

Gli appuntamenti sono stati promossi dall'Associazione Italiana di Fisioterapia con l'obiettivo di favorire un dialogo formativo tra fisioterapisti ed altri specialisti di settore

ROMA –  Si è tenuto nei giorni scorsi in modalità digitale il ciclo di webinar Medicina del dolore, tre appuntamenti promossi dall’Associazione Italiana di Fisioterapia-AIFI con l’obiettivo di favorire un dialogo formativo tra fisioterapisti ed altri specialisti di settore. Gli appuntamenti hanno avuto come tematiche Dolore e riabilitazione nel Low back pain, Dolore e riabilitazione nella patologia di spalla e Dolore e riabilitazione mammaria oncologica e sono stati moderati da Donato Lancellotti, Andrea Turolla e Tiziana Galli.

L’OBIETTIVO DEI MEETING

– Perché questa specifica attenzione della fisioterapia a questo argomento?

“Questo ciclo di webinar sul dolore – dai contenuti di altissimo profilo qualitativo – rappresenta una delle tipiche attività che la società scientifica deve portare avanti e cioè parlare di scienza e di ricerca in maniera multidisciplinare– risponde Donato Lancellotti, segretario nazionale Aifi- Siamo orgogliosi di ricordare e sottolineare che questo evento è nato dall’iniziativa di due colleghi anestesisti che hanno cercato la collaborazione di Aifi. Questo tipo di collaborazione peraltro non si esaurisce nella condivisione delle evidenze scientifiche ma nasce e si orienta ad una urgenza che anche altri professionisti ci rappresentano: costruire interazioni e percorsi multidisciplinari per rispondere ai bisogni dei cittadini. Percorsi in cui la Fisioterapia affianchi il lavoro di altri specialisti nei complessi percorso di diagnosi, cura, riabilitazione in cui il cittadino non deve rimanere solo”.

GLI ESPERTI CHE SONO INTERVENUTI

Durante i workshop digitali sono intervenuti Rym Bednarova (Tecniche mini-invasive nel LBP), Valerio Barbari (Approccio fisioterapico al LBP), Filippo Cacciola (Gestione del LBP nella fase post-acuta mediante esercizio terapeutico), Andrea Tomasi (Genesi del dolore di spalla), Matteo Benedini (L’approccio fisioterapico alla riabilitazione di spalla con terapie fisiche), Gianluca Zannier (L’ausilio dell’ecografia nella riabilitazione di spalla), Giulia Bongiorno (L’elettromiografia di superficie come ausilio nella riabilitazione di spalla), Helena Biancuzzi (Le APP e la compliance all’esercizio fisico), Giulia Ferrarese (Ruolo del fisioterapista e strategie terapeutiche nel carcinoma mammario).

L’ultimo appuntamento ha visto la partecipazione di Luca Miceli, Responsabile Medicina del Dolore Clinica e Sperimentale IRCCS CRO di Aviano: “Durante la mia relazione ho affrontato il connubio tra dolore e riabilitazione in ambito senologico“, ha puntualizzato l’anestesista, “nel 2022 non possiamo più usare i soli farmaci per ridurre il dolore nella donna operata al seno affinché possa affrontare la riabilitazione oncologica. Oggi possiamo ed anzi dobbiamo utilizzare quanto la moderna tecnologia ci offre per andare all’origine del dolore, che il più delle volte è l’irritazione di un nervo o di un distretto muscolare durante l’intervento chirurgico. A tal fine esistono tecniche infiltrative di neuro-modulazione – come la radiofrequenza pulsata – capaci, in mani esperte, di rallentare la conduzione dell’impulso doloroso dalla zona operata verso il cervello”.

“Presso l’IRCCS CRO di Aviano”, ha concluso Miceli, “possiamo mettere queste tecniche a disposizione del percorso riabilitativo grazie alla presenza in équipe di Giulia Bongiorno, atleta di fama internazionale e fisioterapista di grande esperienza, che durante il webinar ci ha parlato dell’analisi cinematica del movimento in tale patologia. Il nostro scopo anche grazie a questa serie di appuntamenti multidisciplinari è di creare una medicina personalizzata anche nell’ambito riabilitativo, specifica e unica per ogni paziente, basandoci sull’esatta performance motoria che è in grado di eseguire”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-23T10:46:18+02:00