Tg Politico Parlamentare, edizione del 23 febbraio 2021

Matteo Salvini incontra Mario Draghi per discutere di un graduale "ritorno alla vita", il grido dei sindacati: "Riaprire cinema e teatri", Vittorio Sgarbi candidato sindaco di Roma nell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ATTANASIO E IACOVACCI, IL CORDOGLIO DELLA CAMERA

“Siamo addolorati e costernati per questo atto di vigliacca ferocia contro due connazionali impegnati in un’azione di solidarietà nei confronti della popolazione locale”. Con queste parole il presidente della Camera Roberto Fico ha ricordato l’ambasciatore in Congo Luca Attanasio e l’appuntato dei carabinieri Vittorio Iacovacci, uccisi a seguito di un agguato nei pressi della città di Goma. L’aula di Montecitorio ha rispettato un minuto di silenzio. Sulle circostanze della morte riferirà il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Le salme saranno sottoposte ad autopsia al Policlinico Gemelli di Roma. I pm di Roma indagano per sequestro di persona con finalità di terrorismo.

DRAGHI RICEVE SALVINI, RIAPERTURE CON GIUDIZIO

Riaprire i ristoranti la sera nelle zone gialle, là dove sia già consentita l’apertura di mezzogiorno. È la richiesta che arriva al governo da un fronte politico composito, che va dalla Lega, dal M5s con Stefano Patuanelli e dal Pd con Stefano Bonaccini. Il leader della Lega Matteo Salvini ha incontrato il premier Mario Draghi per discutere di un graduale “ritorno alla vita”, senza però trascurare le esigenze di sicurezza laddove il contagio sia più diffuso. È il caso di Brescia, che entra in zona arancione rafforzata. Salvini ha anche chiesto un’accelerazione sul fronte dei vaccini, in modo da ridurre la dipendenza italiana dalle forniture straniere. Quanto al commissario Domenico Arcuri, il leghista è tranchant: “Lo giudicherà la storia”, dice.

LE IMPRESE AGRICOLE, 11 MILIARDI DI INVENDUTO

Favorevoli a una rapida ripresa delle attività sono le imprese della filera agroalimentare. In questo settore le chiusure imposte dall’emergenza sanitaria hanno portato al crollo delle attività di ristoranti, bar e agriturismi con oltre 11 miliardi di cibo e vini invenduti, come riporta un primo bilancio della Coldiretti. Secondo l’indagine ben 300 milioni di chili di carne bovina, 250 milioni di chili di pesce e circa 200 milioni di bottiglie di vino non sono mai arrivati sulle tavole degli italiani. Coinvolte 360mila aziende le cui difficoltà si trasferiscono a cascata sulle 70mila industrie alimentari e 740mila aziende agricole per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro.

CGIL, CISL E UIL: “RIAPRIRE CINEMA E TEATRI

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza per chiedere al governo la ripartenza in sicurezza del settore. Da Torino a Palermo, da Genova a Roma, sono centinaia gli artisti, ma anche i tecnici, gli scenografi e i costumisti che si appellano all’esecutivo a nome di un settore che è in ginocchio. I ristori non bastano più, i sindacati auspicano che le attività possano riaprire in sicurezza. Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Pierpaolo Bombardieri si rivolgono al ministro Dario Franceschini per sottolineare che la rinascita del Paese passa anche dalla cultura. “Garantire i diritti, rilanciare gli investimenti e intervenire sugli ammortizzatori”, è la richiesta dei sindacati.

SGARBI SI CANDIDA A SINDACO DI ROMA

Vittorio Sgarbi candidato sindaco di Roma. Il critico d’arte e deputato di Forza Italia ha ufficializzato oggi in piazza Navona la sua corsa al Campidoglio. “Roma è una città abbandonata, disperata, con monumenti chiusi, piena di immondizia- ha detto- per Roma non posso non esserci, solo io posso magnificare questa città”. Sgarbi punta agli elettori delusi di Forza Italia e Movimento cinque stelle, la cui casa non è “il Pd, né la Lega”. E al centrodestra, ancora alla ricerca di un candidato, Sgarbi manda un avvertimento: “O convergono su di me oppure correrò contro di loro fino al ballottaggio, lì potremo fare un accordo e io farò l’assessore alla Cultura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»