Tar Puglia accoglie ricorso del Codacons, sospesa la didattica digitale integrata

scuola
Un'ordinanza regionale la prevedeva per gli istituti di ogni ordine e grado. Il provvedimento ha efficacia immediata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI –  Il Tar della Puglia ha accolto la richiesta cautelare di sospensiva dell’ordinanza regionale che ha disposto da ieri la didattica digitale integrata per le scuole di ogni ordine e grado della regione. A rendere nota la decisione è il Codacons di Lecce che ha presentato il ricorso assieme a un gruppo di genitori. “Accolta richiesta cautelare – scrive l’associazione sui social -. Grazie a tutti”. Il provvedimento ha efficacia immediata.

Per il Tar della Puglia le Regioni possono “introdurre misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal governo nazionale, ma tali misure devono essere provvisorie e ragionevolmente coerenti con la classificazione del livello di gravità dell’emergenza in ambito regionale (la Puglia dall’11 febbraio 2021 è in zona gialla, ndr)”. L’istanza è stata accolta “considerato che la misura cautelare collegiale interverrebbe al compimento del periodo di efficacia dell’atto impugnato, quando prevedibilmente sarà stato adottato un ulteriore provvedimento di proroga o rinnovo, la qual cosa innescherebbe un inseguimento defatigante dei ricorsi ai provvedimenti, traducendosi in un sostanziale diniego di giustizia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»