Mercoledì alla Camera conferenza stampa su mamma coraggio Frida

Interviene la deputata Veronica Giannone, con esperti giuristi. Il titolo dell'incontro è "Riconoscimento tardivo dei figli nati fuori dal matrimonio: padri 'indegni' e mancata tutela delle madri che negano il consenso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Riconoscimento tardivo dei figli nati fuori dal matrimonio: padri ‘indegni’ e mancata tutela delle madri che negano il consenso”– Domani alle 12 presso la Sala Stampa della Camera dei deputati la deputata di Forza Italia, Veronica Giannone, segretaria della commissione parlamentare per la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, che da tempo si occupa di diversi casi che coinvolgono minori ingiustamente allontanati dalle proprie famiglie, esperti giuristi si confronteranno sul tema per dibattere circa le prospettive di una riforma.

Se la madre non è d’accordo- spiega il comunicato stampa- il padre non può riconoscere il figlio tardivamente. Il padre però può intentare una causa di riconoscimento richiedendo la prova del DNA e a quel punto con prove inconfutabili, il tribunale potrebbe autorizzare il riconoscimento del figlio da parte del padre, a prescindere dalla volontà della madre. La mancanza di consenso dunque può essere superata da un provvedimento del giudice che autorizzi il riconoscimento, anche molti anni dopo la nascita, se nell’interesse del minore. Questo è quello che prevede l’articolo 250 del codice civile al terzo e al quarto comma. Una disposizione che lascia aperto un ampio dibattito circa la sussistenza di profili di illegittimità costituzionale della norma stessa. Se un uomo nei mesi della gravidanza, nei primi mesi dalla nascita, ha inequivocabilmente espresso la volontà di non essere padre, ma anzi ha operato per l’aborto, non riconoscendo il figlio, perché può essere autorizzato successivamente da un giudice ad entrare nella vita di un bambino? Nonostante il mancato consenso della madre, unica titolare della responsabilità genitoriale? Sono questi i temi che saranno al centro della conferenza stampa e del caso della mamma coraggio Frida che racconterà la storia di sua figlia. Interverranno la deputata Veronica Giannone e l’avvocato Girolamo Andrea Coffari del Foro di Firenze.

LEGGI ANCHE: Caso Frida, avvocato Coffari: “No a riconoscimento per ‘padri indegni’”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»