Emilia-Romagna, contagi in crescita a scuola: 3.178 in due settimane

scuola mascherina
Il report settimanale dell'epidemia Covid in regione mostra un incremento delle infezioni tra gli studenti e il personale scolastico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nelle ultime due settimane nelle scuole dell’Emilia-Romagna sono stati registrati 2.786 nuovi casi tra gli studenti e altri 392 tra il personale scolastico: in tutto insomma 3.178 positivi in 14 giorni. È uno dei dati (in crescita) che emergono dal report settimanale sull’epidemia di Covid diffuso dalla Regione.

Dall’inizio delle scuole il 14 settembre dello scorso anno sono stati individuati 16.481 positivi nella fascia 0-18 anni, cioè l’8% del totale dei contagi. La quota maggiore dei positivi, sia pure di poco, è alle elementari, dove nelle ultime due settimane ci sono stati 905 casi (806 invece alle scuole superiori e 620 alle medie). I docenti e i dipendenti della scuola che hanno incontrato il virus da settembre sono in tutto 2.272. Anche in questo caso il numero maggiore di contagi si è verificato nella scuola primaria. Dal 7 febbraio ad oggi sono 126 i maestri e i bidelli infettati, mentre sono 81 i contagiati tra il personale delle scuole superiori.

La crescita dei contagi a scuola emerge dal raffronto ogni 15 giorni. Gli studenti e gli alunni contagiati nelle due settimane precedenti (dal 22 gennaio al 5 febbraio) erano infatti stati 2.254. In lievissimo calo invece i docenti: 399 i contagiati del 22 gennaio-5 febbraio contro i 292 delle ultime due settimane.

LEGGI ANCHE: Covid, ok del ministero a vaccino Astrazeneca per 18-65enni non vulnerabili

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»