Fonti Cts: “Forte interessamento Palazzo Chigi sul ruolo del comitato”

"Questione portavoce? In passato chiesto, ma silenzio dall'ex Governo e Ministero"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La convocazione del Comitato tecnico scientifico di oggi alle 14 è stata fatta da Palazzo Chigi e ministero della Salute, un tandem che non è mai avvenuto prima d’ora, segno di un interessamento forte da parte del presidente del Consiglio“. A raccontarlo all’agenzia Dire una fonte del Cts, che ha così voluto sottolineare un primo cambio di passo tra il precedente Esecutivo e quello attuale. Ma in queste ore, intorno all’attività del Comitato tecnico-scientifico, è d’attualità anche la questione della possibilità che ci sia un portavoce. “Da diverso tempo lo avevamo richiesto al ministero della Salute- spiega ancora la fonte – Trovavamo utile che il portavoce potesse fare sintesi rispetto alle linee emerse durante le nostre riunioni e quindi proponemmo di far fare al portavoce, a conclusione di ogni singolo incontro, un comunicato stampa per raccontare gli elementi affrontati nella discussione, fornire una linea ben definita e consentire una continuità comunicativa, senza strappi, con la stampa”. La proposta del Cts non fu raccolta dal Governo precedente, guidato da Giuseppe Conte: “Dal ministero della Salute ci diedero risposte vaghe, insomma una ‘non risposta’, mantenendosi tiepidi sull’eventualità di affrontare la questione. Eppure per noi- conclude la fonte del Comitato parlando con la Dire- aveva un senso che il portavoce si occupasse anche di un comunicato stampa scritto, avrebbe fatto da ponte con i media”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»