Coronavirus, si ferma anche la religione: comunità islamiche pronte a sospendere le preghiere

L'Unione delle Comunita' Islamiche Italiane, Ucoii, invita tutte le comunità a prendere le massime precauzioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’Unione delle Comunita’ Islamiche, “vista l’evoluzione della situazione relativa all’aumentato rischio di diffusione del Coronavirus e l’invito alla massima precauzione da parte delle Pubbliche Autorita’, raccomanda “a tutte le comunita’ islamiche delle aree dichiarate a rischio di prendere contatto con le autorita’ locali e di sospendere tutte le attivita’ aggregative pubbliche, le cinque preghiere quotidiane inclusa quella congregazionale del venerdi’, fino a nuovo aggiornamento”. E’ quanto si legge in una nota dell’Ucoii.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 132 i casi accertati: 26 ricoveri in terapia intensiva, effettuati oltre 3000 tamponi

Invitiamo a seguire attentamente le indicazioni delle autorita’ locali e a diffondere ai propri fedeli, anche con ausilio di traduzione in varie lingue, le raccomandazioni da parte delle fonti accertate anche in merito a come trattare eventuali sintomi. Raccomandando la calma e di non alimentare il panico, invochiamo l’Iddio che preservi il nostro Paese e guarisca le persone colpite”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»