Coronavirus, Burioni: “Una scemenza dire che è poco più di un’influenza”

Il noto virologo: "Niente allarmismi, ma non si possono trattare i cittadini come se fossero bambini di 5 anni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Uno dei cardini di Medical Facts e’ stato il tentare di informare nella maniera piu’ corretta i nostri lettori. Mai allarmismi, ma neanche si possono trattare i cittadini come bambini di 5 anni. Qualcuno, da tempo, ripete una scemenza di dimensioni gigantesche: la malattia causata dal coronavirus sarebbe poco piu’ di un’influenza. Ebbene, questo purtroppo non e’ vero. In questo momento in Italia sono segnalati 132 casi confermati e 26 di questi sono in rianimazione (circa il 20%). Sono numeri che non hanno niente a che vedere con l’influenza (i casi gravi finora registrati sono circa lo 0,003% del totale). Questo ci impone di non omettere nessuno sforzo per tentare di contenere il contagio. Niente panico, ma niente bugie”. Lo dice Roberto Burioni, virologo, sul blog Medical Facts.

“Attenzione a chi, superficialmente, da’ informazioni completamente sbagliate. Leggete i numeri”, avverte il virologo.

LEGGI ANCHE:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»