Coronavirus, stop ai viaggi di istruzione scolastici. Università chiuse in tre regioni

Le misure adottate ieri dal consiglio dei ministri riguardano anche le attività scolastiche: stop a gite e viaggi d'istruzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Consiglio dei Ministri, nella serata di sabato 22 febbraio, ha definito apposite misure per evitare la diffusione del Covid – 19 e ulteriori misure di contenimento. Fra le decisioni adottate- comunica una nota del Miur- anche quelle relative alla sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’estero.

Il Ministero dell’Istruzione informa che, in attesa dell’adozione formale dell’ordinanza prevista dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali, i viaggi di istruzione vanno comunque sospesi a partire gia’ da oggi domenica 23 febbraio 2020.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sala: “Scuole chiuse per una settimana a Milano e nella Città metropolitana”

Fra le previsioni adottate dal Governo “c’e’ anche quella relativa alla possibile sospensione dalla frequenza delle attivita’ di formazione superiore, fatte salve le attivita’ formative svolte a distanza”. Lo comunica il Miur in una nota.

“In attesa dell’adozione formale dei provvedimenti consequenziali previsti dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali”, il Miur invita “le Istituzioni universitarie e quelle di Alta Formazione Artistico Musicale e Coreutica presenti nelle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna a sospendere comunque, fino al 29 febbraio 2020, l’attivita’ didattica. Tale soluzione e’ in linea con le scelte gia’ autonomamente assunte da alcune Istituzioni interessate e consegue da un confronto tra il Ministro e le stesse”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»