Fascismo, Martina: “Non sottovalutare lo scioglimento dei gruppi. La legge c’è”

"Lo stato ha regole e strumenti per distinguere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non sottovalutare la questione posta dall’ Anpi sullo scioglimento dei gruppi di estrema destra. Seguiamo le leggi, ci sono riferimenti chiari. Abbiamo dal punto di vista normativo tutti gli strumenti per agire. Alcuni movimenti come Ordine Nuovo sono gia’ stati sciolti dalla magistratura. Certo, se la legge Fiano fosse in vigore avremmo qualche strumento in piu’ oggi. A noi tutti poi spetta il compito di muovere le coscienze e di battere culturalmente e socialmente razzismi e neo fascismi”.

Cosi’ il vicesegretario del PD Maurizio Martina in un’intervista su Repubblica.  “In un paese grande e forte come l’Italia una partecipazione diffusa e popolare e’ la migliore risposta al fascismo- dice Martina- Le manifestazioni dell’estrema destra andrebbero fermate? Lo Stato ha regole e strumenti per distinguere ció che si puo’ manifestare da cio’ che non si puo’ manifestare. Di certo chi si richiama al fascismo va fermato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»