Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Italia 23 milioni di sedentari, ma aumentano quelli che fanno sport

Le donne risultano essere più sedentarie rispetto agli uomini in tutte le fasce di età. Picco di crescita per l'attività sportiva tra i giovani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 23,1 milioni gli italiani che nel 2016 non hanno fatto sport né attività fisica nel tempo libero, pari al 39,2% della popolazione. E’ uno dei dati diffusi dall’Istat e dal Coni nello studio ‘I numeri della pratica sportiva in Italia’, presentato oggi a Roma nel Salone d’Onore del Comitato olimpico nazionale.

Secondo l’analisi, le donne risultano essere più sedentarie rispetto agli uomini (43,4% contro il 34,8%) in tutte le fasce di età.

La sedentarietà cresce con l’aumentare degli anni di vita e coinvolge quasi la metà della popolazione a partire dai 65 anni. Anche per la sedentarietà è forte il divario territoriale: la quota più elevata di chi non svolge attivita’ sportiva si registra nel Mezzogiorno (52,7% nel sud e 52,5% nelle Isole) rispetto al Nord-ovest (31,9%) e al Nord-est (27,4%).

AUMENTANO GLI ITALIANI CHE FANNO SPORT

Nel 2016 il 34,8% degli italiani con più di 3 anni ha praticato sport nel tempo libero: il 25,1 per cento lo fa con continuità, il 9,7 in modo saltuario. Numeri in forte aumento, considerato che nel 2013 la percentuale complessiva degli sportivi nel nostro Paese si attestava al 30,6%.

Proseguendo nell’analisi, risulta un picco della crescita tra i giovani: dal 2013 al 2016 il numero dei ragazzi che fanno sport in modo continuativo è aumentato del 5,8% nella fascia d’età 6-10 anni, del 3,6% nella fascia 11-14 anni, del 6,4% nella fascia 15-17 e addirittura del 7,1% nella fascia 18-19 anni. Un italiano su quattro, precisamente il 25,7% della popolazione, ha dichiarato invece di svolgere attività fisica come passeggiate di almeno due chilometri, nuoto o bicicletta, pur senza svolgere un’attività sportiva regolare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»